riceviamo e pubblichiamo questa traduzione di una notizia apparsa su attaque.org, l’immagine in fondo al testo è invece tratta da un giornale di regime francese.

secondo quanto riportato da alcuni giornali francesi, il 30 giugno 2020 la polizia di Lille ha arrestato sei persone, cinque uomini e una donna, per l’incendio di un’antenna 5G avvenuto il 3 maggio nella zona industriale di Douai-Dorignies (Lille) e che ha causato un danno stimato tra i 300 000 e i 500 000 euro. Secondo gli inquirenti gli arrestati sono tutti “vicini al movimento di contestazione violenta”.
La donna è stata rilasciata e non sarà perseguita, degli altri cinque arrestati uno, minorenne, è stato messo sotto controllo giudiziario per “distruzione di beni in banda organizzata e associazione di malfattori per commettere un delitto”. Dei quattro maggiorenni, due sono in stato di arresto e due rilasciati sotto controllo giudiziario. il processo è stato fissato per il 30 luglio.
secondo quanto riportano i giornali, grazie alle telecamere di sorveglianza di uno stabilimento vicino all’antenna, gli inquirenti hanno individuato tre individui su un’automobile con la targa nascosta. grazie alle informazioni raccolte durante i controlli realizzati durante il lockdown, la macchina è stata individuata e il suo proprietario messo sotto controllo fisico. è stato quindi identificato un gruppo di sei persone che si riuniva regolarmente, ed è scattata l’operazione degli sbirri.

libertà per tutti!

link: https://attaque.noblogs.org/post/2020/07/03/nord-six-interpellations-pour-lincendie-dune-antenne-relais-5g/