da https://furios.noblogs.org/

FURIOSA. nuova distro

Oggi 28 giugno, data storica per la comunità LGBT, commemoriamo la Rivolta di Stonewall con il lancio della Distro Furiosa. I motivi che hanno contribuito alla nascita di questo progetto sono vari: desiderio di diffondere idee autonome e radicali rispetto a ciò che il movimento GGGL [Gay, Gay, Gay, Lesbico] riformista porta avanti e di ricordare che le pratiche che le persone queer hanno usato per lottare nel corso della storia sono state violente, necessità di creare rafforzamento collettivo attraverso il riconoscimento delle potenzialità della violenza rivoluzionaria e di parlare di questioni che sono tabù persino all’interno di ambienti femministi queer.

Per ora la Distro Furiosa si occuperà di traduzioni di testi queer-femministi-trans che affrontino quei temi da una prospettiva critica nei confronti del Sistema, in particolare contro lo Stato e il capitalismo.

Per inaugurare questo progetto abbiamo preparato una pubblicazione originale: FURIOSE e altre storie di rivolta frocia, a cura di frocia furiosa. Una raccolta di vari testi provenienti dal contesto anglofono statunitense, tradotti in italiano e messi insieme in questo opuscolo.

FURIOSE è stata scelta come prima pubblicazione perché:

“Gli articoli raccolti e tradotti in questo opuscolo hanno una cosa in comune: analizzano la violenza strutturale del sistema cis-etero-patriarcale e riportano esempi di  violenza rivoluzionaria frocia e trans*”.

Il tema della violenza rivoluzionaria è complesso per molte persone e viene spesso affrontato da posizioni polarizzate. In un estremo il rifiuto non violento di ogni atto di ribellione che comporti l’uso della forza fisica e dall’altro l’esaltazione della violenza contro gli oppressori; nel mezzo un’infinità di sfumature: chi tollera l’autodifesa, chi accetta la violenza solo contro gli oggetti ma non contro altri esseri umani, chi sostiene la violenza di soggetti oppressi solo se molto lontani nello spazio e nel tempo, e tante altre…

In questa sede si vuole analizzare il fenomeno da una prospettiva frocia, queer, non-etero, partendo dall’esperienza vissuta da molte persone queer: la violenza del sistema cis-etero-normativo è una realtà quotidiana per noi e lì risiede la legittimità per l’utilizzo di pratiche violente, aggressive, da parte nostra nei confronti dei nostri oppressori. Da questo punto di vista, la violenza rivoluzionaria antipatriarcale andrebbe supportata anche quando non la si intrapende in prima persona. Distro Furiosa si pone un obiettivo doppio: fomentare la solidarietà femminista e frocia alle azioni violente contro il sistema cis-etero-patriarcale capitalista e infondere coraggio a coloro che decidono di agire al di fuori dalle pratiche di lotta riconosciute dallo Stato.

Per tornare a FURIOSE, riportiamo un estratto dall’introduzione che spiega la scelta dei testi tradotti.

“[…] il primo articolo FURIOSE getta luce su episodi del passato lontano fino a quella che  viene considerata la nascita del movimento LGBT odierno (la Rivolta di Stonewall) per cercare di costruire una genealogia che ci unisca alle lotte delle nostre antenate e alle loro pratiche.

Per collegarci a vicende più recenti, gli articoli della rete di gruppi queer Bash Back! (attivi negli stati uniti e canada) ci offrono un ottimo spunto attraverso i racconti di azioni o espressioni di solidarietà presenti nel capitolo ULTRAVIOLENZA FROCIA.

[…]

LETTERA A CHI SI RIBELLA AL GENERE è un articolo che restituisce emotività al discorso sulla rivendicazione della violenza frocia, ma non per questo manca di analisi lucida sui rapporti di potere: un gioiello per rendere più favolosa la nostra espressione di genere.

Il testo parla da sé, speriamo che lo troviate utile e piacevole.

Buona lettura,
Distro Furiosa.