Udine – presidio anticarcerario

Mappa non disponibile

Date/Time
Date(s) - 7 Set, 2019
16:00 - 20:00

Categories


Contro il carcere e la società di cui è strumento

Il carcere è violenza istituzionalizzata posta a difesa di una società che può produrre solo violenza, perché fondata sullo sfruttamento, l’alienazione, l’oppressione dei molti a vantaggio dei pochi.

Il carcere è strumento di annientamento, talvolta fino alla morte. Tre prigionieri ogni settimana muoiono nelle galere italiane. Negli ultimi due anni vi sono stati cinque morti nel carcere triestino del Coroneo, di cui uno il maggio scorso, nel silenzio più assoluto della direzione e della stampa locale e l’ultimo il 16 agosto.

Il carcere è modello per gestire le contraddizioni di questo società. Pensiamo all’immigrazione: i Centri di Permanenza per il Rimpatrio sono carceri per immigrati senza documenti. A Gradisca (Go) se ne sta riaprendo uno, dopo che nel 2013 i prigionieri erano riusciti a distruggerlo.

E infatti il carcere è un’arma per reprimere chi si ribella a tutto ciò, come Yaseen Muhammad, arrestato a fine giugno a Udine per la rivolta, l’incendio e tentata evasione dal Cie di Bari. Tuttora ci risulta prigioniero nel carcere di Udine.

 

Basta morti di galera! Basta galere!

Per la solidarietà tra sfruttati, dentro e fuori le galere!

Al fianco di chi osa ribellarsi!

 

Trieste, presidio davanti al carcere, in Via Coroneo, sabato 31 agosto dalle 16.00

 

Udine, presidio davanti al carcere, in Via Spalato, sabato 7 settembre dalle 16.00

 

ASSEMBLEA PERMANENTE

CONTRO CARCERE E REPRESSIONE

 

liberetutti@autistiche.org