Spoleto – Contro l’anarchismo di Stato!

Mappa non disponibile

Date/Time
Date(s) - 4 Nov, 2017
17:30 - 21:30

Location
Via XIV Giugno Spoleto

Categories


Contro l'Anarchismo di Stato

Agustín Guillamón, Contro l’anarchismo di Stato. Tesi sulla Guerra di Spagna e la situazione rivoluzionaria esplosa in Catalogna il 19 luglio 1936
Michel Olivier, La tragedia della Spagna non ha limiti

Al di là del marxismo e dell’anarchismo, i futuri rivoluzionari, se vogliono essere attuali ed efficaci, devono spazzar via le peggiori aberrazioni storiche in cui sono caduti il pensiero marxista e il pensiero anarchico.
Uno degli insegnamenti irrimandabili della Rivoluzione spagnola del 1936 è la perentoria necessità di distruggere lo Stato e di sopprimere in maniera assoluta i controrivoluzionari,
fase preliminare e ineluttabile di una vera rivoluzione proletaria.

Agustìn Guillamón

Le Tesi sulla Guerra di Spagna proposte da Agustín Guillamón sono la sintesi di una riflessione assai ampia che si è articolata ed espressa sia nei suoi numerosi libri sia in quelli di altri autori e protagonisti dell’insorgenza spagnola del 1936, che ebbe suoi momenti centrali in Catalogna e a Barcellona. Essi costituiscono un’eccezionale esperienza rivoluzionaria, la cui validità e importanza investono una coerente prassi rivoluzionaria. Ieri come oggi.

Durante la guerra civile spagnola, nacque l’anarchismo di Stato, quando una parte del movimento anarchico si costituì in partito politico parlamentare e divenne così un’organizzazione burocratica, come le altre. Questo tentativo fallì miseramente.

Mentre il movimento sociale dell’anarchismo rivoluzionario raggiunse livelli di gestione economica, di iniziative popolari rivoluzionarie e di autonomia proletaria che ancora oggi illuminano e annunciano un futuro radicalmente diverso dalla catastrofe capitalista, dall’orrore fascista o dalla schiavitù stalinista.

E anche se l’anarchismo rivoluzionario alla fine capitolò di fronte alla repressione scatenata dallo Stato, dagli stalinisti e dalla burocrazia «anarchica», ci è rimasto l’esempio e la lotta di alcune minoranze, come Los Amigos de Durruti, le JuventudesLibertarias, alcuni ambienti anarchici della Federazione Locale di Barcellona e piccoli gruppi marxisti che ci consentono di studiare le loro esperienze per imparare dai loro errori e rivendicare la loro lotta e la loro storia.

Il libro contiene due brevi testi che offrono utili argomenti di sostegno alle Tesi: sono le presentazioni critiche di Agustìn Guillamón e di Michel Olivier al Rapporto segreto di Helmut Rüdiger .