Pisa – Presentazione del libro “ Controindagine (minima) di un malato sul “male incurabile” con discussione sulla medicalizzazione e il suo rifiuto

Mappa non disponibile

Date/Time
Date(s) - 20 Ott, 2018
16:00 - 19:00

Location
Galeone Occupato Pisa

Categories


Presentazione del libro “ Controindagine (minima) di un malato sul “male incurabile”. Della patogenesi sociale e dell’eziologia politica del demone-Cancro ” e discussione sulla medicalizzazione e le conseguenze del suo rifiuto.

Le malattie, la loro diagnosi e la loro cura, sono legate alla medicina, alle diverse “scoperte” tecniche e scientifiche, ma anche alla situazione sociale e storica complessiva: alle condizioni lavorative e sociali, alle questioni igieniche e ambientali, ai rapporti sessuali tra gli individui, alle culture di un’epoca e così via. Le malattie, quindi, sono sempre palesemente segnate dall’epoca e da un “surplus ideologico” costruito dal dominio a seconda delle sue esigenze contingenti. Ad esempio, il caso dell’AIDS è emblematico: tossicofili, omosessuali e libertini vennero inclusi nelle cosiddette “categorie a rischio” facendo si che chi si fosse ammalato giungesse a pensare di “esserselo meritato” avendo infranto norme sociali di comportamento ormai consolidate. Nel caso dello sviluppo dei tumori è invece palese che l’inquinamento, la sofisticazione alimentare, la disumanizzazione dell’esistenza, il lavoro coatto, lo stress, l’infelicità, sono dei cofattori imprescindibili. La malattia può allora essere interpretata anche come un urlo del corpo chiuso in gabbia che si ribella verso l’alienazione e l’esproprio della vita? È anche vero che, dopo secoli di medicalizzazione, delega agli esperti detentori della conoscenza sul corpo ed abitudini acquisite (o represse) per adattarci al vivere sociale, la percezione di noi stess* è così ridotta da non riuscire più a riconoscere e ad accorgerci di queste grida. Se vogliamo porre fine al disastro provocato da questo sistema sociale, ed alle sue istituzioni mediche, che ha la pretesa di curare le malattie che esso stesso crea e diffonde a piene mani, siamo però pront* ad assumercene i rischi, tra cui anche quello della morte?

Pisa - Festa benefit sQueertose inguaiate con la legge