Milano – presidio al carcere di San Vittore + discussione sulla latitanza

Mappa non disponibile

Date/Time
Date(s) - 21 Nov, 2020
11:00 - 21:00

Categories


Sabato 21 novembre alle ore 11 all’interno delle due settimane di mobilitazione per i prigionieri anarchici ci troveremo fuori le mura del carcere di San Vittore per sostenere coloro che sei mesi fa hanno con rabbia fatto sentire la propria voce e con coraggio si sono rivoltati e che ora si trovano sotto processo con accuse gravissime come devastazione e saccheggio. Ci troveremo fuori dal carcere per far sentire la nostra vicinanza a chi si è visto negare per l’ennesima volta i colloqui con i propri cari a causa del COVID che però è costretto ad un contatto costante con le guardie, principale vettore del virus dentro le strutture. I contagiati sicuramente sottostimati ad adesso pare siano circa ottanta, nella solita condizione di sovraffollamento.
Ci troveremo lì fuori perché pensiamo che il carcere debba essere distrutto e perché saremo sempre dalla parte di chi lotta contro le proprie gabbie.
Alle ore 16 ci sarà una discussione sulla latitanza allo spazio occupato “Iglesias” in solidarietà con chi ha scelto quella strada per sfuggire alla repressione e per far sì che questa possibilità non venga accantonata nonostante il complesso sistema di controllo, proviamo a parlarne per quanto è possibile fare. Gli interventi scritti da chi non può essere presente e la la partecipazione di chi ha fatto questa scelta in passato forniranno la base per riflettere e discutere. Tante sono poi le persone che si trovano in una situazione ancora più complicata, gli emigranti senza il “giusto” documento che ogni giorno devono eludere i sistemi di controllo e sorveglianza. Partendo da queste esperienze, e con l’aiuto di compagni medici e infermieri, proveremo a introdurre la possibilità anche di una latitanza dal controllo sanitario.
In apertura dell’incontro presentazione del libro “In incognito” con i curatori della Cassantirep, Alpi Occidentali.