Milano – Inaugurazione libreria anarchica “Anansi” e presentazione del libro “Dalle Apuane alle Green Mountains. Anarchismo ed anarchici tra Carrara e il Vermont (1888-1910) –

Mappa non disponibile

Date/Time
Date(s) - 12 Set, 2020
18:00 - 23:30

Categories


In alto i calici: il 12 settembre in quel di milano, in via breda 54, aprirà i battenti la libreria anarchica Anansi.

Non sappiamo quanti effettivamente ne avvertissero la necessità, o anche solo il desiderio, ma a noi piace.

Piace per il suo fascino decadente, eco lontana di ben altri fasti di caffè gonfi di vino, saperi e rivolte.

Piace perché è una sfida agli dei del nostro tempo. Una fusione di analogico e digitale, tensione ibrida verso una tecnologia nostra, il più possibile autonoma dal potere e dai suoi sgherri. O forse avete già dimenticato la semplicità con cui i burattinai di questo mondo hanno chiuso ogni libreria, ogni copisteria e ogni biblioteca per puro capriccio, usando il COVID come proverbiale foglia di fico?

Piace perché la conoscenza è libertà e la libertà conoscenza.

Piace perché la carta nonostante tutta la sua esteriore fragilità ha il brutto vizio di resistere e ricordare. Per quanto la si possa reprimere, bruciare, strappare, riemergerà inesorabilmente, magari fra anni, decenni o persino secoli, per testimoniare e raccontare ostinatamente le nostre storie. I dati d’altra parte sono puro immaginario, campo dove si aggirano feroci e possenti forze che hanno tutto l’interesse nello smarrire la storia, nel corrompere il ricordo, nel produrre l’aggiornamento fatale che renderà irrecuperabile e fallato ogni sapere che non sia il loro.

Ma soprattutto piace perché è un’idea folle e disperata, e questo la macchina non potrà mai comprenderlo, farlo suo. Il ticchettio ordinato del meccanismo cede e si inceppa quando la ferrea logica dei suoi ingranaggi si scontra con la volontà più irrazionale. Potranno farci a pezzi, divorarci, ma non riusciranno mai a strapparci gli ultimi brandelli della nostra umanità, fintanto che ci ostineremo a vivere la rivolta, ad inseguire la nostra pazza idea di libertà.

Ma di fronte ad un compito tanto arduo e balzano persino i buoni auspici che accompagnano abitualmente le invocazioni del nome di antichi eroi, gloriosi martiri della libertà, non ci sono sembrati sufficienti. In mancanza d’altro abbiamo trovato rifugio nel divino ed abbiamo scelto di dedicare la libreria ad Anansi, il dio ragno dell’africa occidentale, patrono dell’inganno e degli schiavi in rivolta.

Così come lui è il signore di ogni storia, così speriamo che questo piccolo gesto permetta a nuovi vissuti e a nuovi racconti di rivolta di intrecciarsi, cospirare e prosperare, fino a diventare una nostra nuova storia.

Le leggende altresì raccontano di come Anansi un giorno provò ad accumulare tutta la saggezza del mondo dentro di sè, solo per giungere alla consapevolezza della futilità di un simile gesto e quindi liberarla in mille rivoli, così anche noi vorremmo condividere e lasciare scorrere quelle poche briciole di saggezza che abbiamo accumulato.

Crediamo che così possa bastare. Con le stronzate direi che ci siamo: abbiamo assolto i doveri di rito, ridipinto ovvietà con parole rutilanti e rivendicato il fondamentale contributo di questa libreria al movimento insurrezionale mondiale. Sentiamo però la necessità di un ultimo cambio di registro e vorremmo salutarvi con un monito dannatamente serio. È, come dire, fatto risaputo la grande passione della digos per le rievocazioni storiche, così come la loro spiccata predilezione per i roghi di libri in stile norimberga, per cui vi invitiamo a fare incetta di libri, opuscoli e riviste il più velocemente possibile. Tutta quella carta sugli scaffali è perfetta per appiccare grandiosi incendi e sarebbe fatto davvero increscioso se finissero per essere i loro roghi e non i nostri ad illuminare le notti…..

 

Vi aspettiamo Sabato 12 a partire dalle 18 per aperitivo e chiacchiere informali sul progetto. A seguirecon la presentazione di “dalle Apuane alle Green Mountains. Anarchismo ed anarchici tra Carrara e il Vermont (1888-1910)”,

 

poi ogni martedì dalle 18 alle 24 e ogni giovedì dalle 15 alle 20.