Madrid – NO COP 25 – Tutte le pallottole si restituiranno

Mappa non disponibile

Date/Time
Date(s) - 2 Dic, 2019 - 13 Dic, 2019
All Day

Categories


 Tutte le pallottole si restituiranno

A partire dal 2 dicembre, i signori della Terra verrano a Madrid. Alcuni dei maggiori assassini di questo pianeta, dei maggiori responsabili della sua devastazione. Vengono per riempirsi la bocca e l’agenda con i
prossimi piani della lotta contro il riscaldamento climatico. Mentre il capitalismo mondiale continua intatto e la maggior parte delle emissioni di CO2 fuoriescono dalla produzione industriale, mentre le sue imprese
continuano devastando foreste e montagne per estrarre le loro risorse naturali.
E se non fosse sufficiente, nello stesso momento, il Cile va a fuoco, e le sue strade continuano a essere coperte dai bossoli delle forze di sicurezza. Ma Piñera non puó vedere la sua agenda politica rovinata dalla
rivolta, non puó accettare che l´attenzione mediatica metta in dubbio il suo mandato di fronte a tale rivolta. E grazie alla benevolenza del governo spagnolo ora potrá continuare con i suoi piani senza scomporsi.
Ma in Cile la normalitá non puó piú sostenersi, e nemmeno qui vogliamo sostenerla.
Non permetteremo ai lider mondiali di riunirsi per disegnare la distruzione sotto l´apparenza della sostenibilita´ e del rispetto, come se tutto fosse normale. Come se non abbiano giá distrutto in tutto questo tempo,
come se non abbiano milioni di cadaveri sulle proprie spalle. Non gli offriremo tale leggittimitá. Anche, perché sappiamo, che la miglior maniera per solidarizzare con le ribelli non é altro che estendere la rivolta. Come ad Amburgo, vogliamo che questo incontro si trasformi in un inferno.
Per questo invitiamo alle nemiche di questo sistema a riunirsi a Madrid, nei giorni in cui i padroni del mondo si incontrano in questa cittá. State attente ai prossimi appelli e informazioni. Ci saranno spazi dove accogliere la gente che viene da altri paesi.
D´altra parte non confidiamo nemmeno che la politica che si costruisce nei parlamenti e negli uffici fermerá la distruzione o frenerá il cammino verso il collasso, che ogni giorno diventa piú inevitabile. Ma confidiamo
nella capacitá di agire di ognuna, in maniera individuale o in gruppo. Per questo vogliamo fare un appello all’azione decentralizzata per colpire i responsabili della distruzione ambientale. I politici non agiscono contro
gli interessi del capitalismo, ma noi sí.
Contro il cambiamento climatico;
azione diretta.

Guerra a chi distrugge la Terra.