Lecco – Discussione sul Cile in rivolta

Mappa non disponibile

Date/Time
Date(s) - 7 Nov, 2019
19:30 - 23:30

Categories


GIOVEDI’ 7 NOVEMBRE
presso il centro di documentazione anarchico l’Arrotino, via primo
maggio 24C a Lecco

Dalle 19:30 cena benefit per le prigioniere e i prigionieri cileni
Dalle 20:30 discussione partendo dalle testimonianze di alcuni compagni
della Rete internazionalista prigionieri politici in Cile

DISCUSSIONE SUL CILE IN RIVOLTA
Si sa che spesso le rivolte partono dalla goccia che fa traboccare il vaso: in questo caso un aumento di 30 pesos del biglietto della metro è stata la scintilla che ha fatto infuocare il Cile. A partire dal 18 ottobre, le strade di Santiago del Cile hanno iniziato a prendere fuoco. Solo nei primi giorni di rivolta, oltre 80 metropolitane sono state
attaccate, decine di queste rase praticamente al suolo dagli incendi; centinaia di centri commerciali prima sono stati saccheggiati dei beni di consumo primario per poi essere dati alle fiamme; centinaia fra banche, municipi, agenzie di trasporto e di collocamento sono state distrutte. Il palazzo dell’Enel, che in Cile guadagna miliardi di soldi
sporchi di sangue, è stato divorato completamente dalle fiamme. Lo Stato, nelle mani del capitalista Piñera, ha risposto dando la gestione della città all’esercito, che ha subito stabilito il coprifuoco. Fatto che non succedeva dai tempi dell’assassino Pinochet. La violenza della repressione si è fatta subito vedere, l’esercito ha iniziato a sparare
nelle strade, gli arresti sono ormai migliaia, i morti all’ordine del giorno, i feriti da arma da fuoco ormai centinaia. Ne vogliamo parlare, senza tralasciare il contesto storico del Cile, che tra dittature, svolte neoliberiste e interessi economici statunitensi non ha mai smesso di rendere palesi quelle contraddizioni che, in questo ottobre di fuoco,
sono esplose nelle piazze e nelle strade di tutto il paese.
Nell’affrontare queste questioni non possiamo dimenticare tutti quei prigionieri politici che da anni lottano anche da dietro le sbarre delle carceri cilene.