Genova – Momento solidale in piazza

Mappa non disponibile

Date/Time
Date(s) - 21 Nov, 2020
15:00 - 19:00

Categories


Ciao a tutti e a tutte,

il mese di novembre in corso, come molti sapranno, si presenta come ricco di sgraditi appuntamenti nei tribunali delle nostre città.

Già calendarizzate da un po’ di tempo le udienze dell’operazione Prometeo presso il tribunale di Genova (11 novembre, 18 novembre) che vedono imputati Beppe, Natascia e Robert. Si sperava nella possibilità di strappare un saluto ai due compagni detenuti che hanno appena sostenuto scioperi del carrello e della fame viste le condizioni detentive in cui si trovano da diverso tempo, ma non verranno tradotti in tribunale per partecipare dal vivo alle udienze a causa dell’attuale situazione Covid, ottimo pretesto per continuare con l’ignobile video conferenza. Inoltre per Beppe il giorno 24 si terrà un’udienza relativa al posizionamento di un ordigno nei pressi di una Posta della città di Genova nel 2016, fatto per il quale è l’unico accusato. Poste italiane che in quel periodo subivano attacchi in tutta la penisola a causa della collaborazione nell’espulsione degli immigrati attraverso la compagnia Mistral Air oggi Poste Air Cargo.

Sempre il 24, a Torino presso l’Aula Bunker delle Vallette si terrà la sentenza in Appello per il processo Scripta Manent che vede imputati una ventina di compagni anarchici per i quali l’accusa chiede la condanna senza il riconoscimento di nessun tipo di attenuante.

A Genova mercoledì 25 si terrà l’udienza per la richiesta da parte della Procura di Sorveglianza Speciale nei confronti di una compagna anarchica. Il PM Manotti sostenuto dai Carabinieri del Ros e dalla Direzione Antimafia e Antiterrorismo (D.D.A.A) richiede l’applicazione di questo spregevole provvedimento per 5 anni con il pretesto dell’altissima pericolosità sociale della compagna in questione, basata di fatto (come tutte le volte che viene sostenuta la necessità della SS) sulle idee e sulle intenzioni.

In questo periodo in cui l’intensificazione del controllo viene agevolata dall’emergenza sanitaria e la repressione di qualunque forma di dissenso applicata senza tregua, compagne e compagni continuano ad essere processati e sottoposti ad infami misure coercitive in un’ottica di esclusione di tutti gli anarchici sempre più capillare.

Per far sentire la nostra vicinanza e la solidarietà a tutti i compagni sotto inchiesta in questo periodo diamo appuntamento per un momento in piazza.

Ci si vede:

SABATO 21 NOVEMBRE ALLE ORE 15 IN PIAZZA BANCHI (Caruggi, Genova)