Carrara – Capitalismo e barbarie

Mappa non disponibile

Date/Time
Date(s) - 7 Set, 2019 - 8 Set, 2019
17:30 - 23:30

Categories


CAPITALISMO E BARBARIE

Il capitalismo uccide.

In maniera variegata, in modi multiformi: devastando l’ambiente, avvelenando cibo acqua e aria, mercificando la vita, sfruttando le persone fino all’osso e gettandole poi nel cassonetto dell’indifferenziato, manipolando ogni istanza politica al fine di piegarla al proprio interesse. Il capitalismo è il sistema perfetto per chi senta la necessità di arricchirsi e vivere comodamente; prevede però una notevole quantità di pelo sullo stomaco, dato che la comodità di uno il capitalismo la produce sempre a scapito di altri mille. Uccidendoli appunto. Ma il capitalismo non esiste in sé, è realizzato da quelle persone che ne traggono un grande vantaggio economico e sociale ed è sostenuto dai sistemi politici che ci governano e ci chiamano a farne parte.

C’è solo un modo per spezzare questa catena di soldi che ci vuole solo vittime o complici: la lotta.

Ci confronteremo su questi temi durante due incontri in cui daremo uno sguardo al passato ed uno al presente per capire come riprenderci il futuro.

sabato 7 settembre ore 17:30

Circolo Culturale Anarchico “Goliardo Fiaschi” di Carrara

Veleni civili

Un gruppo di ex operai ammalatisi per via dell’amianto respirato durante la loro vita lavorativa sta lottando contro l’azienda Nuovo Pignone (oggi Baker&Hudeges) per il riconoscimento dei danni biologici e morali. Proprio in questi mesi la giustizia ha voltato loro le spalle non riconoscendo la paura provata in questi 40 anni appesi a un filo condannandoli a pagare all’azienda 95000 euro. Occorre impedire che tutto questo avvenga nel più assordante dei silenzi, perché il silenzio appartiene solo ai colpevoli.

Ne parliamo con alcuni rappresentanti degli operai in causa.

domenica 8 settembre ore 17:30

Piazza delle Erbe a Carrara

Rojava chiama

Rojava, una regione della Siria dove si combatte un nemico spietato rappresentato dall’ISIS e dai suoi complici e in cui è in corso anche una rivoluzione sociale d’ispirazione libertaria, con pratiche antiautoritarie e di autogestione, dove realizzare forme di convivenza senza profitto né prevaricazione, una concreta pratica anticapitalista.

Ne parliamo con Heval Chekdar Aghir Jak, combattente nelle brigate internazionaliste.

Circolo anarchico “Goliardo Fiaschi”, Via Ulivi 8/b (Carrara)