Brasile – Invito per una Fiera di Materiale Indipendente. Attività per Sesta Settimana Internazionale per Prigionieri Anarchici

Mappa non disponibile

Date/Time
Date(s) - 25 Ago, 2018
00:15 - 23:30

Categories


Brasile - Invito per una Fiera di Materiale Indipendente. Attività per Sesta Settimana Internazionale per Prigionieri Anarchici

 

In risposta alla chiamata per la “Sesta Settimana Internazionale in Solidarietà con i Prigionieri Anarchici che avrà luogo in tutto il mondo dal 23 al 24 agosto, si svolgerà anche una prima fiera invernale di materiale indipendente il 25 di agosto.

Questo è un invito aperto a chiunque voglia inviarci proposte con un punto di vista anti-autoritario, per aggiungerle alle attività. Inoltre, è innanzitutto un invito a partecipare a questa iniziativa che si svolgerà in “Tia Estela”, uno spazio occupato per i senzatetto, ubicato sotto il cosiddetto “Viadotto Alcântara Machado” a São Paulo. Ogni contributo all’autogestione di questo spazio è benvenuto.

La lotta per la libertà non è possibile senza combattere contro le prigioni. Questi spazi disgustosi sono circondati da mura, forme violente di controllo, dispositivi di sicurezza e sorveglianza permanente. Senza una tale struttura sarebbe impossibile ad ogni Stato o governo di rimanere al potere. E’ necessario vedere le prigioni non solo come strumento principale di dominio contro le persone sovversive che preferiscono la guerra alla passività delle masse, ma anche come un laboratorio del sistema e come uno di mezzi principali per perpetuare la schiavitù e il lavoro.

Una battaglia è stata persa, ma anche dietro le sbarre la lotta continua. All’interno del carcere, in modo circoscritto e continuo, ci sono conflitti contro gli apparati giudiziari degli Stati-nazione e contro tutta la società moralista che lo sostiene. Questa realtà prolunga il camino verso la distruzione della civiltà, delle macchine predatorie del mondo cibernetico e industriale, delle sbarre, muri e frontiere che massacrano la vita sulla terra.

Per questi motivi e tanti altri, è strettamente necessario appoggiare i prigionieri anarchici, non lasciarli da soli e, con questo, girare lo sguardo verso i pilastri che danno forma al nemico.

“Vivere l’anarchia comporta il rischio di finire in carcere” – Marco, carcere di Alessandria[1]

Il programma completo sarà disponibile il 23 agosto.
Invia un messaggio, invia un contributo!

Inverno Anarchico
invernoanarquico@riseup.net

 

fonte: anarhija.info