Volantino distribuito a Pisa in occasione della sentenza del processo del Brennero

Non solo ABBATTERE LE FRONTIERE, ma anche IL MONDO CHE LE PRODUCE

 

Sono passati cinque anni dalla manifestazione che si tenne al Brennero contro le frontiere e il razzismo di Stato. Una risposta doverosa (non la sola) a quella che fu la proposta del governo austriaco di allora di costruire un muro anti-migranti al confine con l’Italia, ma anche alla pratica dello Stato italiano di non permettere a persone immigrate di salire sui treni diretti al confine, con annessi controlli sulla base del colore della pelle. Una risposta necessaria, contro padroni e signori della guerra, disponibili alla libera circolazione delle merci (alla disperata ricerca di valorizzazione), meno a quella di donne e uomini in cerca di una vita migliore.

 

Venerdì 14 maggio, per quella giornata, il tribunale di Bolzano ha condannato 63 compagn* a pene che vanno da qualche mese ai 6 anni di carcere. Sempre per i fatti del Brennero, è in corso un altro processo che in primo grado ha già rifilato 37 anni totali di carcere per 63 imputat*.

Lo Stato italiano, attraverso i reati di “danneggiamento”, “resistenza” e l’immancabile “concorso morale”, ripercorre quelle ore intense e rimarca la sua natura classista: gli ultim* devono rimanere tali e il monopolio della violenza non va messo in discussione, mai.

 

Sebbene c’abbiano provato fino all’ultimo, non è passato (per il primo procedimento) il reato di “devastazione e saccheggio”, infame accusa, nonché retaggio del codice penale fascista del 1930, sempre più utilizzata contro coloro che scelgono di lottare esprimendo tutta la radicalità e la passione del caso. Ne sanno qualcosa i rivoltos* che lo scorso ottobre hanno scaldato le notti a Firenze, Milano e Torino contro la gestione militare e repressiva dell’emergenza Covid, i detenuti del carcere di Pavia con la loro protesta dopo le 14 uccisioni per mano della polizia in alcuni istituti penitenziari a marzo 2020 e i 4 migranti del centro di accoglienza di Treviso che si ribellarono contro l’inferno della loro quotidianità fatta di segregazione e soprusi (Chaka, il più giovane dei 4, dopo essere stato trasferito nel carcere di Verona, verrà trovato morto nella sua cella).

Sempre a Treviso, è in corso un processo che vede coinvolto un compagno anarchico in carcere dal maggio 2019, Juan, a cui viene attribuito il posizionamento di due ordigni (di cui uno inesploso) presso la sede della Lega di Villorba. Le accuse che muove lo Stato sono quelle di strage e di attentato con finalità di terrorismo. Se non ci interessa sapere chi ha compiuto quell’azione, di una cosa siamo certi: attaccare chi ci rende la vita un inferno, non è solo giusto, ma urgente.

Lo Stato intende sbarazzarsi (almeno per un po’) dei suoi nemic*, dispensando accuse infami, misure cautelari, sorveglianze speciali, seppellendo i compagn* e i ribelli in galera. Questo il trattamento che riserva da sempre a chi prova a mettere in discussione radicalmente questo sistema.

 

I morti nel Mediterraneo, nella rotta balcanica e nei lager libici, oltre a rendere chiaro a tutti come le frontiere e il loro portato di morte esistano, ci indicano che la libertà ha un prezzo caro. Mentre crollano ponti, esplodono treni e si muore sul lavoro a 20 anni perché l’unico valore che conta è il profitto, si inaugurano nuove basi militari (Niger) per tutelare gli interessi padronali (ENI in testa), si dà il via al “Green Pass”, ennesimo ricatto all’omologazione, nonché nuovo strumento per generare persone irregolari aumentando controllo e ricattabilità.

 

In questa fase di “emergenza sanitaria” che sappiamo non essere contingente (dagli stati d’eccezione non si torna indietro, mai), ribadiamo che i soli veri responsabili rimangono coloro che hanno creato le condizioni ambientali per lo sviluppo di questo virus, i padroni che hanno usato la crisi sanitaria come trampolino verso nuovi mercati, le case farmaceutiche che brevettano vaccini nanotecnologici e gli Stati che li impongono (com’è che il personale sanitario – che oggi rifiuta l’obbligo vaccinale – passa da “eroe” a “untore”?).

Ma anche chi reprime, ingabbia e ammazza. In questi tempi bui siamo convint* di una cosa, “bisogna lottare e lottare finché la sproporzione sia stroncata.”

 

compagne e compagni contro la repressione