X

Operazione Renata: dichiarazione degli imputati

Pubblichiamo la dichiarazione rilasciata dagli imputati dell’Operazione Renata all’udienza del 22/02/2021, il testo è stato distribuito anche fuori dal tribunale in un pieghevole che contiene anche la dichiarazione fatta all’udienza del primo grado di giudizio del 18/10/2019 ed è scaricbile qui:  Ai cuori ardenti pieghevole

Operazione Renata: dichiarazione degli imputati

*In quali condizioni, in quale senso la storia si svolgerà in seguito?
Questi quesiti sono insolubili. Ciò che noi sappiamo sin d’ora è che la
vita sarà tanto meno inumana quanto più grande sarà la capacità individuale
di pensare e di agire.*

Simone Weil

Sono passati due anni dall’operazione che ha portato ai nostri arresti e da quando, mesi dopo, abbiamo messo nero su bianco quel che avevamo da dire a riguardo. A tutt’oggi cinque di noi si trovano sottoposti a misure cautelari, in attesa del processo d’appello, misure che non vengono neppure conteggiate ai fini dell’esecuzione della pena. Un “obbligo di dimora” che nella realtà dei fatti appare come una sorta di “confino” trovandoci divisi e sparpagliati in varie parti della penisola. Ben più degno di nota, però, è quel che è accaduto nel frattempo. Possiamo dire senza troppi fronzoli che il mondo (ancora quello *di là fuori*, per alcuni e alcune di noi, ma a quanto pare non solo per noi) si sia letteralmente stravolto. L’epidemia di Covid19 ci ha sbattuto in faccia non solo quali possono essere le conseguenze dell’organizzazione sociale capitalista (con la devastazione della natura, due secoli di guerra industriale al pianeta che abitiamo,
irresponsabilità scientifiche alla ricerca di soluzioni per un sempre maggiore profitto), ma anche quale può essere la risposta degli Stati per far rientrare i potenziali dissidenti in quelle stesse logiche rassegnatorie che hanno permesso di trovarci in *questo* duemilaventuno.

Così è arrivata l’alzata di spalle della “società democratica” di fronte alle stragi di Stato nelle carceri, che trovandosi tra le comodità dell’*al
di qu**a* del muro ha lasciato soffocare le urla di quei detenuti che per primi hanno alzato la testa. Quelle urla di disperazione hanno trovato una società capace di “accettare” la quotidianità del coprifuoco, una società capace di adattarsi essa stessa alla logica della carcerazione. Questo dobbiamo constatare: da qui, dall’abitudine ad una *normalità* sempre più spaventosa nasce quell’indifferenza, trasformandosi poco a poco nell’incapacità di uno spirito critico anche per tutto il resto: d’un prendersi cura l’uno dell’altro, d’una solidarietà concreta, resa
“illecita” e “criminale” senza dubbio dalle operazioni repressive, ma forse ancora di più dalla rassegnazione a vedere la Verità solo negli slogan di Stato (come dimenticare le bandiere ai balconi, i “distanti ma uniti”, i “siamo tutti sulla stessa barca” ed infine la fiducia nella Scienza come unico “dio salvatore”). Come un colpo di spugna sullo scontro reale e di classe, la digitalizzazione del mondo, presentandosi come una fuga da una realtà che “è meglio non vedere”, non può che accelerare questo processo di distacco dal mondo. Sono messaggi del nostro tempo che dobbiamo cominciare a vedere chiaramente.

Ma oltre a cercare di vederci chiaro, siamo tra quelli che cercano di guardare lontano per trovare la forza di battersi qui, perché il terreno
internazionalista è ciò che dà il senso a tutte le lotte per la libertà. E non ci è certo sfuggito che in moltissime parti del mondo centinaia di
migliaia di oppressi si stanno battendo contro misure di contenimento che hanno tutto del militare e poco del sanitario, contro le sistemiche
violenze della polizia, contro regimi sempre più autoritari.

È forse per questo che la sfilza di operazioni poliziesche che si sono abbattute contro anarchiche e anarchici in questi due anni mostrano misure e strategie sempre più repressive. Arresti dichiaratamente preventivi per evitare che si «soffi sul fuoco» del malcontento sociale, accuse di terrorismo a chi ha resistito ad un pestaggio in carcere, l’infamante accusa di strage come nuova arma repressiva per seppellire compagne e compagni sotto decine di anni di carcere (come le condanne pesantissime dell’operazione *Scripta Manent* e il processo in corso a Juan).

Ma questo deve essere letto nel presente che stiamo attraversando. Se, per esempio, viene definito “complottista” (quando non addirittura, vanificando il significato storico del termine, marchiato con la categoria di “negazionista”) chiunque non accetti il pacchetto pronto dello Stato su qualsiasi fronte, imponendo la via unica del silenzio-assenso, non c’è da stupirsi che un gruppo di anarchici venga accusato di “istigazione a delinquere” o processato per “associazione sovversiva” per aver, tra le altre cose, evidenziato (perché non si tratta di chissà quali teorie innovative, basta aprire la finestra) come e perché le responsabilità dell’organizzazione sociale capitalista siano le effettive cause della nascita e della diffusione di questa come di altre epidemie, delle guerre, dello sfruttamento.

Lo leggiamo anche tra le carte che ci portano all’appello dell’operazione Renata: dove una rivista anarchica diventa lo spazio per «le finalità
dichiarate dall’associazione» – come una premessa certamente utile all’accusa di “terrorismo” – poiché vi si afferma l’ovvietà del fatto che
un processo rivoluzionario non possa «escludere anche forme di lotta violenta». Lorsignori, con la cocciuta ostinazione a voler far rientrare
l’anarchismo nelle logiche gerarchiche del processo penale, cercano di incolpare chi esprime ciò che è ovvio del fatto che… «qualcuno prima o poi finirà per crederci»: se non fosse il tragico tentativo di aumentare gli anni di galera risulterebbe perlomeno grottesco.

Come poteva essere prevedibile, la dichiarazione scritta in occasione del processo di primo grado – “Ai cuori ardenti”, che segue questa premessa – non ha tardato ad arrivare sulle scrivanie di diverse Procure. Ma noi non cerchiamo certo giustizia dove non si può trovare, e siamo consapevoli che sia anzitutto la sproporzione dei rapporti di forza in campo a concedere terreno alla spavalderia repressiva dello Stato. Solo quando le lotte riescono a prendere spazio si fanno più chiari i ruoli della società in cui viviamo, anche quelli della farsa giuridica, e si fanno meno efficaci le armi della repressione. Per questo riteniamo che *questo* duemilaventuno sia anche il frutto di uno spirito rivoluzionario inconsistente e reso muto, se non del tutto incapace di immaginarsi. Ma sappiamo anche che ci sono strade (im)possibili che possono cambiare le cose. Scriveva Bakunin all’alba della Comune di Parigi: «è ricercando l’impossibile che l’uomo ha sempre realizzato il possibile». Lo sappiamo noi come lo sanno tutti gli anarchici e le anarchiche che in ogni angolo del mondo ora si trovano dietro le sbarre. A loro mandiamo il nostro saluto, la nostra complicità, la fervente solidarietà che ci anima nell’azione. Lo facciamo oggi come lo ricorderemo domani se ci troveremo di nuovo tra le strette mura di una cella.

Sì, continueremo ad essere testardi perché sappiamo che è solo con questo spirito che si potrà guardare avanti, per continuare a battersi per la libertà, adoperandoci con i mezzi che più riterremo adatti e consapevoli di avere di fronte un nemico che, spontaneamente, non farà alcun passo indietro. Il battito che sentiamo non potrà mai essere percepito dal giudizio di un’organizzazione sociale figlia del profitto e della
competizione. Guardiamo oltre per vederci chiaro. Ma per questo non sarà sufficiente rivolgere lo sguardo alle nostre mani e alle nostre menti.

Occorre rivolgerlo soprattutto ai nostri cuori.

I nostri cuori ardenti.

Trento, 22 febbraio 2021

*Stecco, Agnese, Rupert, Sasha, Poza, Nico e Giulio*

Related Post