Cile – Aggiornamento sulla situazione di Mónica Caballero e Francisco Solar

Aggiornamento sulla situazione di Mónica Caballero e Francisco Solar (Cile, gennaio 2021)

Il compagno e la compagna anarchici si trovano in carcere dal 24 luglio 2020 dopo essere stati arrestati e accusati in relazione a degli attacchi esplosivi avvenuti nel luglio 2019 e nel febbraio 2020. Recentemente si sono conclusi i sei mesi di indagine decretati inizialmente e come previsto l’accusa chiederà l’estensione dell’indagine in un’udienza fissata per l’11 febbraio 2021.

Entrambi rimangono sotto un rigido regime carcerario, Francisco nell’Unidad de Máxima Seguridad del carcere di Alta Sicurezza e Mónica nel Módulo de Connotación Pública del carcere di San Miguel. Dopo una dura mobilitazione – dentro e fuori le carceri – che esigeva il ritorno dei colloqui per tutti i reclusi, da metà dicembre Mónica e Francisco hanno potuto avere delle visite, che però sono ancora lontane da condizioni dignitose che stanno cercando di recuperare: sono state di due ore, ogni tre settimane, e in questi colloqui può entrare una sola persona.

Il compagno e la compagna restano forti, incrollabili nella convinzione che il carcere non è la fine di alcunché, bensì una nuova trincea di conflitto anarchico. Da questo luogo entrambi continuano ad apportare un contributo alla discussione e alla lotta, dimostrando che i muri che cercano di isolarli non resistono alla solidarietà e alla complicità tra acrati.

Sedizione contro lo Stato di polizia!
Che la rivolta faccia saltare le prigioni!
MÓNICA E FRANCISCO NELLE STRADE!

[Ricevuto via e-mail in spagnolo e tradotto in italiano da malacoda.noblogs.org].

Nota: Mónica e Francisco sono stati arrestati il 24 luglio 2020 nel corso di una operazione repressiva a Santiago del Cile. Entrambi sono accusati del duplice attacco esplosivo avvenuto all’interno dell’edificio Tánica, ex agenzia immobiliare Transoceánica, nel ricco comune di Vitacura, il 27 febbraio 2020, azione rivendicata dalle Afinidades Armadas en Revuelta (Affinità Armate in Rivolta). Mentre solo Francisco è accusato della spedizione di due pacchi-bomba: il primo contro il 54° commissariato di polizia di Huchuraba, nella zona nord di Santiago, che il 25 luglio 2019 ha causato il ferimento di otto poliziotti; il secondo agli uffici di Quiñenco, contro l’ex ministro degli interni Rodrigo Hinzpeter, nel comune di Las Condes, pervenuto nella stessa data e che però è stato disinnescato. Quest’ultima duplice azione è stata rivendicata dai Cómplices Sediciosos / Fracción por la Venganza (Complici Sediziosi / Frazione per la Vendetta).

fonte: malacoda.noblogs.org