Indonesia – attacchi incendiari

Sleman, Yogyakarta (Indonesia) – Comunicato per la Distruzione di Auto di Lusso delle “Cellule del Fuoco dei Sobborghi/FAI”

Comunicato dall’Insurrezione di Yogyakarta

“Chi sei tu, ragazzina, abbagliante come il mistero e selvaggia come l’istinto?”
– Sono l’anarchia, Emile Armand

Rivendichiamo la distruzione di auto di lusso nell’area di Sleman il 31 ottobre, ci stiamo muovendo costantemente e saremo una minaccia, perché siamo coscienti del fatto che la disuguaglianza economica sotto questo sistema dominante non è ciò che vogliamo. Sappiamo che nessuna vita è degna di essere vissuta finché l’autoritarismo ci soffoca con la sua brutalità. Questa azione non è dovuta soltanto al disgusto e all’odio accumulati che abbiamo contro il sistema attuale, la polizia e ogni cosa che lo stato crea. Questa azione è anche un atto di solidarietà con ogni combattente nelle strade. Crediamo che la distruzione della proprietà dello stato continuerà, e continueremo a spargere terrore.

SOLIDARIETÀ con ogni prigioniero anti-autoritario in ogni luogo. Nulla merita di più che un’assoluzione. Non un singolo amico verrà lasciato indietro.

Non siamo nessuno, vogliamo solo rendere chiaro che siamo arrabbiati!

Suburbia Fire Cells / FAI

31/10/2020

fonte: 325.nostate.org


Yogyakarta (Indonesia) – ‘Venganza Unit – IRF’ [Unità della Vendetta – FRI] attacca diversi veicoli delle forze di sicurezza

Ci rivendichiamo di aver distrutto con delle pietre delle auto della polizia militare privata il 29 ottobre, vicino a Yogyakarta, causando una ferita grave alla testa di un soldato.

Contro il militarismo. Contro la polizia.

Solidarietà con Monica e Francisco!

Venganza Unit – International Revolutionary Front [Unità della Vendetta – Fronte Rivoluzionario Internazionale]

29/10/2020

fonte: 325.nostate.org


Jakarta (Indonesia) – Rivendicazione anonima per numerosi attacchi incendiari

“Avanti tutta! E con braccia e cuori, penna e parole, spada e fucile, ironia e bestemmia, furto, avvelenamento e incendio, facciamo… la guerra alla società!” – Dejaque.

Rivendichiamo la distruzione della stazione dei bus, la distruzione della banca BCA, il saccheggio del centro commerciale Roxy, l’incendio di una macchina e di una centrale di polizia e l’incendio dell’auto di lusso durante l’insurrezione di Jakarta. Non è a causa del nostro rifiuto alla legge Omnibus, è un accumulo di torpore, e rabbia contro le disparità prodotte dal sistema dominante in questi tempi. Quest’azione diretta non è soltanto uno scontro contro la classe dominante, ma anche un’azione di solidarietà con i combattenti per le strade. Siamo sicuri che la protesta pacifica non ci dà nulla e che ogni stato è un oppressore.

Solidarietà a tutti i combattenti e prigionieri anti-autoritari nel mondo. Solidarietà ai compagni anarchici in Bielorussia, Malesia, Cile, Grecia, Hong Kong, Rojava, e ogni autonomo liberazionista nel mondo.

Solidarietà a tutti i combattenti catturati l’8 ottobre, non ci sarà un verdetto fino alla libertà.

Vogliamo vedere il mondo bruciare, danzare intorno alle città in fiamme mentre si trasformano in cenere. Perché portiamo un nuovo mondo nei nostri cuori.

Non siamo nessuno, ma siamo arrabbiati!

-Anonimo, Jakarta, Indonesia

30/10/2020

fonte: 325.nostate.org


Pontianak (Indonesia) – Incendio dell’ufficio di polizia all’Università di Pontianak da parte della ‘Cellula Maverick – FAI’

Noi (Maverick Cell – FAI) rivendichiamo l’attacco incendiario del 20 ottobre 2020 all’ufficio di polizia di fronte all’Università di Tanjungpura-Pontianak (West Borneo) a causa della nostra inarrestabile rabbia e disgusto contro l’apparato poliziesco (il nemico in forma umana). Siamo disgustati da coloto che vogliono cooperare e supportano l’apparato poliziesco e le loro stronzate sulla riabilitazione, vogliamo soltanto attaccare. Non abbiamo nessuna illusione per correggere la vera natura della brutalità poliziesca. Non offriamo una soluzione – vogliamo un collasso del sistema senza compromessi – e “Tu” devi prendere il controllo di te stesso a causa dei giochetti confusionari dello stato e dei capitalisti che “tu” supporti.

Inoltre, questa azione è una condanna per quegli studenti progressisti che fingono di agire in favore della gente (specialmente a Pontianak) ma sono soltanto un cuolto per delle identità politiche mentre dicono “Lunga vita agli studenti!” e collaborano con la polizia per l’arresto dei nostri fratelli.

Il nostro punto di partenza come anarchici è di credere che l’anarchia sia una completa negazione dell’autorità. L’assenza di “giustificazione” dell’autoritarismo nella sua forma naturale deve essere distrutta. Questo pensiero trova la sua profondità in noi stessi: autonomia, cura di sé, amore; prendere il controllo di se stessi a partire da se stessi. Il punto di svolta è rimanere bloccati in una folla di azioni di massa che determina il tempo e l’attitudine con cui si agisce. Diventiamo compiacenti con la moralizzazione, e a quel punto la passione è già stata nascosta. Diventiamo chi non siamo. Questa è certamente paralisi, ma non morte; i compagni che attaccano a testa alta sono anticorpi per noi – lo sentiamo – e questo “regalo” è la scintilla di innesco che deve risuonare.

Questo attacco è dedicato agli anarchici e compagni sovversivi ostaggi dello stato. E anche per il coraggioso Mikhail Zhlobitsky. Solidarietà con l’intera Indonesia Combattente e con il Mondo.

RISONANZA PER GLI INSURRETTI

Maverick Cell – Informal Anarchist Federation [Cellula Maverick – Federazione Anarchica Informale]

20/10/2020

fonte: 325.nostate.org