Spagna – 14 prigionieri anarchici/libertari partecipano  allo sciopero della fame a rotazione

pubblichiamo una traduzione di un aggiornamento sullo sciopero dei prigionieri anarchici in Spagna. In fondo la versione in inglese che abbiamo ricevuto.

Spagna: 14 prigionieri anarchici/libertari partecipano  allo sciopero della fame a rotazione

Dal 1° settembre scorso almeno 14 detenuti, per lo più anarchici, stanno partecipando a un nuovo sciopero della fame a rotazione contro le precarie condizioni di salute nelle prigioni spagnole. Rivendicano anche un programma in 14 punti contro l´isolamento in carcere (FIES/DERT), le torture e le violenze fisiche e  psichiche delle guardie carcerarie, la dispersione dei prigionieri lontano da casa loro, ecc.
Ogni compagno fa 10 giorni di sciopero della fame, uno dopo l’altro, ogni mese 3 detenuti.
La violenza nelle carceri spagnole è molto comune, ogni anno 200 detenuti muoiono nelle carceri spagnole in modo violento o a causa della droga, di malattie o per mancanza di cure mediche.
Attualmente, in tempi di Corona, le condizioni in carcere sono diventate ancor più insopportabili (cibo cattivo, niente attività, niente visite…).

Nello scorso mese di agosto la nostra compagna Carmen Badía Lachos è stata violata da una guardia carceraria all’interno della parte “ospedaliera” della prigione di Zuera-prision (Saragozza).
Soffre di cancro e usa una sedia a rotelle per muoversi, quindi questo psicopatico ha avuto un ‘gioco facile’ nel comportarsi da codardo. Carmen ha scritto  un comunicato pubblico su questo crimine maschilista. L’anno scorso Carmen aveva fatto un lunghissimo sciopero della fame (più di 2 mesi) per denunciare le sue condizioni di salute e per essere rilasciata  a causa del suo tumore incurabile. L’amministrazione del carcere non ha accolto le sue richieste… Il violentatore ha ricevuto minacce di morte da un prigioniero rimasto anonimo.

Il detenuto di lunga durata Claudio Lavazza in agosto è stato riportato in Spagna dopo essere stato giudicato a Parigi per una grossa rapina in banca (nel 1978) dove è stato condannato  a dieci anni di prigione in Francia, 41 anni dopo! Claudio è stato arrestato nel 1996 dopo una rapina in banca a Cordoba dove sono morti 2 poliziotti in un conflitto a fuoco.
Anche il nostro compagno anarchico Gabriel Pombo da Silva è ancora in prigione , attualmente nel carcere di Leon. Nel 2013 era stato estradato in Spagna dalla prigione di Aachen, in Germania, con l´accordo preciso che avrebbe solo dovuto finire di scontare la condanna ricevuta in Germania e che, al termine di questa, sarebbe stato libero da tutte le imputazioni precedenti.  Così nel 2016 è tornato libero. Ma la sua libertà in La Spagna non ha avuto una lunga durata… solo perché, secondo l´opinione di un giudice di Girona,  Gabriel dovrebbe finire di scontare anche una sua  condanna trentennale del 1990… che sarebbero 16 anni in più dietro le sbarre! Ma i suoi amici e compagni stanno
cercando di portare il caso al tribunale superiore di giustizia, così l’ultima la parola non è ancora stata detta.
Solidarietà con i prigionieri anarchici e rivoluzionari in tutto il mondo!
Abbasso tutte le mura della prigione!

Spain: 14 anarchist/libertarian prisoners take part in a rotative hungerstrike

From last 1st of September on at least 14 prisoners, mostly anarchists,
take actually part of a new rotative hungerstrike against the precarious
health conditions in the spanish prisons. They reinvicate also a 14 point
programm against isolation custody (FIES/DERT), tortures and physical
and psycical violence from the prison guards, dispersion of prisoners
far from their home, etc. Every comrade is doing a 10-days-hungerstrike,
one following other, every month 3 prisoners.
Violence in spanish prisons is very common, every year 200 prisoners
die inside spanish prisons violently or from drugs, no medical attention
or diseases. Actually in corona times, the conditions in jail are mostly
insoportables (bad food, no activities, no visits…).
Last month of August our comrade Carmen Badía Lachos was violated
from a prison guard inside the ‘hospital’ part of the Zuera-prision (Zaragoza).
She suffers cancer and use a wheelchair to move, so this psycopath
had an ‘easy game’ to act like a coward. Carmen did a public communicate
about this machist crime. Last year Carmen did a very long hungerstrike
(more than 2 month) to denounce her health conditions to get released
from prison because of her incurrable cancer. The prison-administration
denied her petition… The violator got threats to kill from an anonymous
prisoner.
Long term prisoner Claudio Lavazza in August was brought back to
Spain after being judged in Paris for a big bank-robbery (in 1978) and he
got sentenced 41 years later to ten years of prison in France! Claudio
was arrested in 1996 after a bank-robbery in Cordoba where died 2 cops
in a battle of gun-fire.
Also still in prison our anarchist comrade Gabriel Pombo da Silva,
actually in the jail of Leon. He got transferried from Aachen/Germany in
2013 to Spain with the special condition that he had to finish just his
sentence from Germany in spanish prisons and then he’d be free from
all anterior sentences. So in 2016 he became free. But his freedom in
Spain didn’t have a long stand… just because one judge from Girona
opinion that Gabriel should finish his 30-years-sentence from 1990…
that would be 16 years more behind bars! But his friends and comrades
try to bring the case to the superior tribunal of justice, so the last
word is still not spoken.
Solidarity with the anarchist/revolutionary prisoners all arround the world!
Down all prison walls!