Kiev, Ucraina – Anarchici incendiano un’automobile della polizia

Kiev, Ucraina: Anarchici incendiano una automobile della polizia (17/10/2019)

È un classico, è una cosa da conoscere!

La notte tra il 16 e il 17 ottobre 2019, l’automobile Toyota Prius di una pattuglia di polizia è stata ridotta in cenere. È successo nel parcheggio custodito situato nel quartiere Svyatoshinsky di Kiev. Noi, anarchici, assumiamo la responsabilità dell’incendio e pubblicheremo un filmato esclusivo in cui è possibile vedere come brucia l’auto della polizia.

Perché siamo in guerra con i bastardi della polizia?

Al giorno d’oggi, le nostre vite sono sotto il controllo ferrato dello Stato e delle multinazionali. Nessuno ci chiede se vogliamo ciò o se non lo vogliamo. Le autorità fanno ciò che ritengono giusto. Per loro siamo merce, bestiame e malviventi. Chiunque intenda opporsi a questo modo di vivere dovrebbe affrontare la repressione, la morte. Ma il controllo e la repressione non sarebbero possibili senza la polizia, il corpo marcio del Ministero degli Interni. La polizia è lo strumento principale nelle mani delle autorità. Pertanto, siamo costretti a intraprendere la guerra con la schifosa polizia – per motivi di libertà, per motivi di giustizia.

Hanno leggi, prigioni e potere dalla loro parte… Dobbiamo solo avere povertà ed estenuante eterno lavoro per l’oligarchia. Il divario tra un lavoratore e un oligarca è così grande che è terrificante. Gli anziani alla periferia della capitale raccolgono ogni giorno carta e vetro per comprare il pane sociale. Se chiedi a un poliziotto perché accadono queste cose, lui allegramente risponderà: questo è l’ordine e la legge. Il poliziotto conosce l’intera situazione e svolge consapevolmente il ruolo di un cane al servizio del potere. Il poliziotto feticizza la sua posizione, gli piace portare una Fort 17 [pistola in dotazione alla polizia ucraina] e guidare una Prius, ma gli piacciono di più la violenza e il denaro. Questi sono solo alcuni dei motivi per cui abbiamo molto odio nei confronti della polizia e della struttura del Ministero degli Interni nel suo insieme.

Non può esserci confronto tra anarchici e poliziotti fino a quando il MIA [“Ministero per gli affari interni” dello Stato ucraino] e i suoi protettori, lo Stato e l’oligarchia, non saranno completamente distrutti. Ognuno di noi deve scegliere tra lavorare obbedientemente per il sistema, tremare di paura per la propria vita o resistere con tutti i mezzi.

Noi anarchici invitiamo ad una resistenza organizzata: collettiva ed individuale. Impara la teoria dell’anarchismo. Fai scorta di miscele incendiarie, armi e munizioni. Attacca la polizia. Lotta contro gli stati. Non aver paura delle prigioni. Libertà o morte!

P. S.:

Per quanto strano possa sembrare, il sito internet ufficiale della polizia nazionale ucraina tace dell’incendio. Solo i pompieri lo hanno segnalato in modo velato. Pensiamo che i poliziotti si vergognino di scrivere e di pubblicare fotografie della Prius bruciata. E così succede sempre…

Nel 2015 il Giappone ha consegnato circa 1500 Toyota Prius al Ministero per gli affari interni dell’Ucraina, destinate alle pattuglie di polizia. Ormai, circa 1300 pattuglie “Prius” sono state rotte o si trovano fuori servizio. Non rimane molto. Aiutiamo gli sbirri a finire il lavoro.

La nostra dichiarazione non sarà completa se non diciamo nulla delle nostre persone affini che si trovano nelle carceri o sono in fuga. Che questa infuocata notizia possa darti piacere possa ispirarti a continuare la lotta in ogni situazione. Così come Dmitry Polienko, un anarchico e imputato, che il 17 ottobre, nell’aula di tribunale, si è tagliato la mano con una lametta, protestando contro la sua detenzione in un’aula a porte chiuse.

In libertà, in cattività o in una situazione illegale, continueremo il nostro attacco contro il governo e lo Stato.

Anarchici

[Tradotto a partire da a2day.net].

fonte: insuscettibilediravvedimento.noblogs.org