Lettera di Lisa sullo sciopero della fame

riceviamo e pubblichiamo questa traduzione di una lettera di Lisa:

Carx compagnx,

voglio mandare un forte saluto di solidarietà e ribellione allx compagnx anarchichx prigionierx, che proprio ora sono in sciopero della fame nelle carceri italiane, e anche a tuttx quellx braccatx e solidali in strada.

È evidente il bisogno di lottare contro le carceri, l’isolamento e tutte le misure ogni volta più avanzate di sicurezza che applicano a tuttx noi prigionierx e specialmente a quellx che lottano, presuntx conflittuali o pericolosx o ritenute socialmente inadattatx.

Il controllo (sociale, fisico e psicologico) così come la punizione e l’isolamento, sono i pilastri di base del sistema carcerario, qui come in tutto il mondo. Le regole del potere sono molto semplici, e chi le infrange, fuori in strada come dentro il carcere, sarà punitx ed isolatx da un ambiente più sociale e più tranquillo… rinchiusx in prigioni e in sezioni di isolamento che non sono altro che prigioni dentro la prigione. Spesso sono sezioni separate che non hanno nessun contatto con le sezioni ordinarie; e in altri posti sono celle punitive che stanno nella stessa sezione, dove lx prigionierx possono interagire, solidarizzare, comunicare ma anche minacciare, ignorare o stigmatizzare le persone in isolamento.

Nello stato spagnolo esiste il sistema FIES (schedario dei detenuti a monitoraggio speciale), un sistema che controlla, registra e condiziona lx prigionierx politichx o conflittuali. Il FIES 3 è concepito per lx prigionierx di gruppi armati, originariamente pensato per ETA e altri gruppi organizzati, ma dove includono anche noi anarchichx condannatx, accusatx o indagatx per terrorismo.

Ovviamente dipende molto dal livello di pericolosità in base al quale lo stato ci classifica per applicare le norme del FIES a ognunx e a quale carcere ci mandano.. può essere un isolamento molto leggero e anche simile al regime chiuso normale o può essere un isolamento molto duro e rigido.

All’inizio ci fanno passare dalla sezione di isolamento a Soto del Real (Madrid) dove ci sono 4 gallerie- 3 per gli uomini e una per donne. La galleria di donne ha dieci celle e a seconda dell’articolo che ha ognuna si esce insieme all’aria o no. La zona d’aria è minuscola, con filo spinato sul tetto. Non c’è assolutamente niente lì a parte un bagno di merda e spazzatura.

Nelle celle, il letto, l’armadio, il tavolo e la doccia sono incassate. È permesso avere solo pochi oggetti personali, al massimo 2 libri che si possono cambiare una volta a settimana.

Non si possono tenere oggetti “pericolosi” come coltelli, tagliaunghie o pinze per più di mezz’ora (poi vengono riprese). Lo spesino passa una volta al giorno e ha pochissimi prodotti. Le istanze e le lettere si raccolgono una volta al giorno, quindi se una volesse parlare o cambiare qualcosa deve aspettare il giorno dopo. La luce si può regolare da dentro la cella ma solo se x funzionarx lo permettono, altrimenti la accendono e spengono loro da fuori.

Il numero di perquisizioni dipende da loro in base al momento e al motivo che trovano, ma sono molte, come anche i controlli con il metal detector o scanner metallici ogni volta che si esce dalla cella.

La cosa “buona” di qui -soprattutto a confronto con l’isolamento di altri paesi- è che di solito sono più permissivi con la comunicazione tanto verso fuori (chiamate giornaliere, vis a vis, colloqui anche in FIES) come tra prigionierx (parlare ore dalle finestre, passare lettere tra prigionierx..) così che unx non vive l’isolamento in modo così rigido come può essere per esempio nei paesi del nord Europa.

Ma se vogliono punire pesantemente qualcunx la possono tenere in sezioni di isolamento molto più duro, creare gallerie di isolamento totale..

Il cibo viene passato da un buco che si trova all’altezza della cintura e solo da lì si comunica con i funzionari- che non è nient’altro che un’umiliazione in più per cercare di far vacillare la forza della persona detenuta.

Dopo un periodo di osservazione provvisorio in isolamento che di solito sono alcuni mesi, normalmente si passa ai moduli di primo grado, che sono strutturati per “fare vita” lì per anni. Ma possono anche tenere lx prigionierx specialmente punitx- di solito per terrorismo- in un isolamento totale, senza quasi condividere nessuno spazio con altre detenute, o applicare articoli di massima sicurezza in caso di persone considerate molto pericolose..

Come sempre per punizione o per prevenzione.

Anche in Germania esistono sezioni di isolamento. A Colonia per esempio solo per gli uomini.. ma anche le donne possono finire isolate in questa sezione o in una sezione di regime normale. Poi ci sono anche celle di punizione estrema chiamate “bunker”dove è permesso avere solo un indumento fornito dal carcere, dove unx passa 24 ore solx senza finestre e senza il minimo contatto con l’esterno… ma di solito non si resta lì più di qualche giorno o al massimo poche settimane. Nonostante questo, l’ingiustizia e l’impotenza vissute lì sono enormi. L’isolamento lascia sempre forti segni, è qualcosa che chi lo ha vissuto non scorderà mai, e lo sconvolgimento e la rabbia di averlo vissuto non possono che aumentare. Ci sono molte persone che a questo non sopravvivono. Tutto dipende moltissimo dalla forza mentale (e fisica) di ognuna e molto dall’appoggio e dalla solidarietà che arriva da fuori.

A livello politico è più chiaro che cerchino di isolarci, non solo dalla società esterna ma anche dallx altrx prigionierx, con le quali possiamo costruire complicità e coscienza della lotta contro questo sistema di punizione, carcere e autorità. Ma ogni azione di solidarietà che si vive dentro e fuori, e tutta la fermezza e determinazione nell’opporci al loro isolamento, così come a tutto il loro sistema di oppressione e miseria, dimostreranno che non potrannomai schiacciare noi e la nostra lotta e la nostra passione per la libertà totale.

FORZA, CALORE, AFFETTO E SOLIDARIETÀ PER LE COMPAGNE IN SCIOPERO DELLA FAME IN ITALIA! NON SIETE SOLE, LA LOTTA DEVE CONTINUARE!

CONTRO LA PUNIZIONE, L’ISOLAMENTO, IL CARCERE E QUALSIASI TIPO DI AUTORITÀ!

FINO A CHE TUTTX SAREMO LIBERX!

Lisa

Centro Penitenziario Brians 1

Giugno 2019