Mastodon.bida.im – Report assemblea 8 dicembre 2018

Presenti complessivamente sulla trentina di persone.
Alle 11 non si era ancora raggiunto un numero sufficiente di persone, si e’ rimandato alle 14 l’inizio dell’assemblea.
L’assemblea e’ iniziata alle 13 con un giro di presentazione dei partecipanti che si sono posizionati attorno al tavolo per il pranzo.

* problematiche con l’istanza, bilancio della situazione fino ad ora, cosa migliorare, cosa correggere
– Viene individuato come uno dei problemi principali della sperimentazione attualemnte in corso sia la mancanza, a sei mesi dalla nascita dell’istanza gestita dal collettivo bida, della nascita di nuove istanze a iscrizione aperta.
– Viene fatto notare come sia difficile la ricerca, data anche la poca presenza di tag nei contenuti dei toot. Viene ribadita l’incentivo all’uso di tag a tutt* gli/le utenti. Viene spiegato dal collettivo che attualmente la ricerca full-text non funziona a causa di bachi nel software che dovranno essere corretti. Il collettivo si impiega a contattare/supportare lo sviluppatore che si sta impegnando su questo lavoro. A quanto sembra lo sviluppatore e’ amareggiato a seguito della poca considerazione che sta avendo in merito al proprio lavoro. Si cerchera’ di supportarlo anche facendo capire quanto cio che sta facendo e’ importante.
– Si fa notare la nostalgia verso la colonna centrale di indymedia. Si ragiona sulla possibilita’ di creare una sorta di sintesi rispetto ai contenuti presente nell’istanza. Si ragiona sull’eventualita’ di valutare la creazione di una sorta di redazione. Vengono presentate eventuali proposte di trasmissione su mastodon a Radio Citta Fujiko. Viene presentata l’eventualita’ dell’adozione di uno strumento simile allo storify di Twitter (ora abbandonato) e individuabile in uno strumento con codice libero (ma da migliorare) https://framastory.org/ . Viene anche pensata la possibilita’ di creare una fanzine sulle discussioni e i contenuti dell’istanza. Viene valutata l’ipotesi di eventualmente usare mailing list o blog per aggregare contenuti rilevanti. Le posizioni sono abbastanza discordanti, non viene raggiunto un accordo comune e una sintesi. La possibilita’ che la redazione sia, ad ogni modo, a capo del collettivo bida non viene presa in considerazione dal collettivo. La possibilita’ di valutare e testare il software https://framastory.org/ viene preso in considerazione.
– Viene fatta notare la problematicita’ dell’uplaod di contenuti come i pdf. Il collettivo bida spiega che l’instanza non nasce come strumento di archiviazione. Rimandando verso altri strumenti. Il compito dell’istanza, da policy (al momento), e’ quello di valorizzare contenuti esterni e non di diventare un accentratore di informazioni (tipo facebook).
– Viene fatta notare la mancanza di segnalibri/bookmarks per potersi ricordare dei toot particolarmente interessanti. Viene fatto notare due possibili soluzioni, usare la stellina (favorite) oppure adottare il client mastalab (che ha quella opzione separata dalla stellina). L’utente che ha fatto la segnalazione si ritiene soddisfatta della prima opzione. Da qui parte una discussione sulla mancanza di materiale informativo. L’utente @thunderpussicat si impegna a creare una guida dalla spiegazione di @illud.
Viene indicata la possibilita’ di creare un bot “avvisi” capace di ricordare opzioni, preferenze, e fare da guida nell’instanza.
– Viene ribadito che mastodon non e’ pensato per conversazioni “intime”. Si ribadisce che non puo’ esistere un software capace di fare tutto. Per conversazioni intime si rimanda ad altri software che implementano i protocolli end-to-end. Mastodon e’ come un blog, quindi pensato per post pubblici.
Questa precisazione verra’ anchessa riportata nel bot “avvisi”.
– Viene fatto notare che occorre slegarsi dall’idea di una nuova indymedia. Da qui nasce una discussione su come valutare questa esperienza come qualcosa di nuovo e svilupparla senza guardare
troppo al passato.
– Si ragiona su come farsi conoscere all’esterno, e sul perche’ della mancata adozione da parte di molti collettivi e realta’ bolognesi. Si ragiona sui numeri ancora troppo inferiori rispetto ai social network commerciali.
– Viene fatta notare come attualmente la ricercabilita’ dell’instanza sui motori di ricerca porta diversi utenti all’iscrizione presso mastodon.social. Viene suggerito (ma non affrontato nella discussione) la possibilita’ di un rebrandig e di darsi una identita’ diversa dal nome del software. (nota del collettivo fuori assemblea: il nome mastodon.bida.im e non qualcosaaltro.qualcosa nasce per due motivi, il primo far conosce questo software pressoche’ sconosciuto all’inizio dell’esperimento, inoltre far capire che siamo un’instanza di una federazione. Ovvero l’instanza mastodon di bida )
– Viene fatta notare da parte del collettivo l’imporanza di avere utenti capaci di fare delle presentazione di mastodon in giro per l’italia. Il collettivo bida dichiara la sua attuale difficolta nel gestire i numerosi incontri che gli vengono proposti. Attualmente sono state fatte le seguenti richieste tutt’ora da programmare: modena (programmata 4 gennaio), jesi, trento, verona, carrara e milano (forse si dimentica qualcosa). Viene proposta la creazione di contenuti per aiutare la possibilita’ di non delegare al solo collettivo bida l’impegno sulle presentazioni e viene posta come base per poter fare una presentazione la conoscenza reciproca sia sull’istanza che alle assemblee.
– Si propone di implementare l’opzioni “Eventi”. L’idea e’ di creare uno speciale toot capace di salvare un evento. Viene riconosciuta la notevole importanza di questa opzione a cui viene data massima priorita. Verra’ creato un gruppo di lavoro per lavorare sulla modifica del codice di mastodon.
– Si pensa di scandenzare come prossimo appuntamento una giornata ad aprile e di fare un’assemblea ogni quattro mesi.

* bilancio bida e campagna finanziamento dell’istanza
15/09/18 spesa spedizione lettere 25
01/07/18 spesa acquisto locandine per presentazione xm 20
01/09/18 spesa acquisto adesivi 73
19/10/18 spesa acquisto adesivi 80
08/12/18 spesa pranzo 28
08/12/18 spesa contributo centro stampa 30
08/12/18 spesa contributo indivia 50
08/12/18 spesa costo server 2018 (bida2) 400
08/12/18 entrata pranzo autofinanziamento 258
totale = -448
A brevissimo sara’ disponibile la possibilita’ di fare donazioni online. Si invita a fare raccolta fondi presso spazi attraverso feste. Si ragiona di un’eventuale festa.

* creazione nuove istanze, a che punto siamo? Possibilità di una federazione di nodi in lingua italiana
– Attualmente si ha notizie di istanze collettive presenti/con interesse a: jesi, milano (2 di cui una in divenire del lab61),torino, jesi, storta(ve), forse napoli.
– Si parla di requisiti umani per la nascita di istanze. Ci si impenga, come collettivo bida, a fornire una documentazione sulle scelte e sulle problematiche riscontrate nella installazione.
– Per agevolare la nascita di nuove istanze si fa notare la nuova funzionalita’ di mastodon, ovvero i nodi releay capace di popolare e condividere contenuti.
– Si ragiona con il lab61 della nascita di una federazione di instanze “compagne” capaci di condividere un relay e una policy comune. Si decide di aprire un pad e avviare una discussione su uno strumento da scegliere.
– Si immagina una sorta di rete di mutuo aiuto riguardante lato tecnico, soldi e backup.
– Si immagina di mettere in funzione macchine di allenamento per provare la creazione di istanze.
– Ci si impegna a creare una sorta di FAQ per admin.
– Si propone al collettivo bida di valuare l’idea di offrire hosting ad altre istanze. Eventualita’ scartata per essere piu’ resistenti a eventuali problematiche (tecniche o legate alla repressione).

* eventuali proposte di modifiche alla policy
– Non ci sono proposte di modifica. Si valuta sull’opportunita’ di ampliare il banning dei link verso risorse commerciali inserendo oltre a facebook anche twitter e altre piattaforme. Non viene raggiunto un consenso su un eventuale ampliamento. Viene anche proposta la rimozione del ban dei link di facebook, anche in questo caso non raggiungendo un consenso.

* discussioni: come valorizzarle
Si ricorda di incentivare l’uso dei tag. Tentare di testare un aggregatore di toot (tipo Storify). Si parla di fanzine. Si lascia l’iniziativa ai singoli che si organizzeranno a gruppi. Non ci sara’ un coinvolgimento del collettivo bida ribadendo che l’istanza mastodon.bida.im e’ un piattaforma di analisi non di sintesi. Per i contenuti provenienti da facebook si ricorda che uno dei modi migliore per riportare i contenuti e’ usare la wayback machine.

* bot, cosa modificare
va bene cosi

* bot (avvisi-howto-altro)
verra fatto un bot degli avvisi, si aprira’ un pad per proporre eventuali contenuti da pubblicare ad intervalli di 3 ore

* istanze bloccate e silenziate, confronto sulla lista e metodo

* rapporti con istanze del fediverso
verra pubblicata su git.lattuga.net la lista delle istanze bannate e silenziate. Si invita gli utenti a segnalare istanze fuori policy.

* banning utenti, quale metodo utilizzare?
Si evidenzia la necessita’ di una qualche storicizzazione dei contenuti che portano al banning di un utente. Si fa notare che questa necessita’ non e’ compatibile con il protocollo usato da mastodon. Si propone la pubblicazione di qualche nota in modo da far capire i motivi che hanno portato a un banning di un utente.

* troll come riconoscerli/ci e affrontarli
punto non affrontato per mancanza di tempo

+ Diffusione/Propaganda

* presentazioni, come distribuire la diffusione sul territorio
Scritto sopra. Si cerca di conivolgere gli utenti e non delegare al solo collettivo bida l’onere della diffusione

* evoluzioni del codice di mastodon, come seguirlo? (codice, bachi, segnalazioni)
Occorrera’ seguire il codice di mastodon per evitare che gli sviluppatori inseriscano funzionalita che non ci piacciono. Viene prese come ovvia la possibilita’ concreata di forkare il software all’occorrenza.
Viene data la priorita’ alla correzione di mastodon autopost (worpress) e feed2toot. Viene fissata per gennaio un’assemblea tecnica per coinvolgere eventuali hacktivisti che interessi a collaborare con il collettivo bida sul software che gravita attorno a mastodon

* proposta di aumentare il numero di caratteri dei toot a 750 o 1000
il punto viene rimandato alla prossima assemblea

* eventuali altre proposte di modifica dell’interfaccia
nessuna

* prossimi sviluppi: creazione degli eventi
parlato sopra

* creazione hidden service
verra’ aggiunto

* integrazione con altri servizi comunicativi (https://writefreely.org/, https://getaether.net/)
se ne parlera’ alla prossima assemblea

fonte: mastodon.bida.im/@admin