Berlino – Attacchi contro Google e la gentrificazione

Giovedì 1/11/2018 abbiamo lavorato con martelli arrabbiati il portone del costruendo ufficio Google nella Tucholskystraße a Berlino.

Anche se per ora a Kreuzberg un campus Google non ci farà, Google rimane un motore del nostro quotidiano alienato e uno strumento delle autorità. Attaccare Google, il controllo e il dominio sia con scritti, solidarietà, attacchi hacker o martelli è necessario per fare dei respiri autodeterminati.

L’essenza sta nella decisione liberatoria di agire in prima persona.

fonte: it-contrainfo.espiv.net


Sabato sera il 03/11, uno spirito cattivo s’autorizzava di danneggiare l’ex negozio di quartiere nella Friedelstraße 54. Il poltergeist distrusse le pareti, le finestre, le condotte e i pavimenti. Evidentemente con tutti i riguardi a chi abita la casa.

Visto che Halloween è passata si può prevedere che l’edificio rimane maledetto per tutto l’anno. Si sa poco degli spiriti, salvo che cercano compagnia, che restano raramente soli e che si fanno scacciare molto malvolentieri. Questo dovrebbe essere chiaro ax esercenti o ad altrx potenziali inquilinx se decidono di affittare gli spazi stregati nella Friedelstraße 54.

L’apparizione trascendente è scocciante anzitutto per la compagnia proprietaria lussemburghese Pinehill e l’amministrazione della casa Secura nella Schwalbacher Straße 8 a Berlino-Friedenau, che l’anno passato invocavano ancora con fervore la violenza:

Sbirri, sbirri
pestate la gente
affinché, da bottino
entrano caterve di denari
e a noi ricchi
dietro le cifre in nero
fioriscano densi zeri.
Ma chi invoca gli stupidi spiriti non se ne sbarazza più.

Per i maledetti proprietari sarebbe stato molto più facile non impedire l’acquisto della casa da parte della comunità del palazzo e con questo non agire esplicitamente contro la volontà di chi l’abita. Altrettanto, il negozio di quartiere al piano terra non avrebbe dovuto essere sgomberato con l’aiuto violento dello Stato.

n quest’occasione, lo spirito della Friedel potrebbe essersi liberato. Inosservato dax unx – poiché accecatx dallo spray al pepe – e dax altrx – distrattx dal delirio violento e dalla registrazione delle generalità.

Ovviamente gli spiriti non imperversano solo nella Friedelstraße 54. Fenomeni simili si sono già visti abbondantemente attorno alla Mainzer Straße, alla Liebigstraße 14 o al Ungedomshuset a Copenhagen.

Devono esserci dei poltergeist arrabbiati anche nei locali della Liebig34, della Potse, del Drugstores, della Meuterei, della HaSi e della AZ Colonia e in altri locali destinati alla stessa brutta sorte. Sarebbe, invece, così facile placare i poltergeist: Lasciarli in pace.

Secondo lx pochx testimoni oculari, sabato sera lo spirito avrebbe urlato una sola frase: Friedel 54 non si affitta!

fonte: it-contrainfo.espiv.net