Avis de tempêtes – Numero 11

“Un compagno è morto. L’anarchico Mikhail Zhlobitsky, Ma non è stato falciato dagli scagnozzi del potere, è morto facendo ciò che aveva deciso di fare. E’ morto in azione, vendicando i carcerati, i torturati, i dimenticati. La sua singolare, individuale, preziosa determinazione è diventata, diciamolo sinceramente, rara tra i nemici di ogni potere. La sua determinazione, il suo coraggio, la sua decisione, il suo gesto implacabile e tragico, sono al centro di un anarchismo che cerca di riaffermarsi nonostante tutto, rifiutando ostinatamente di soccombere agli appelli a rinunciare al sogno e alla lotta”.

Avis de tempêtes - Numero 11
Clicca per scaricare Avis de tempêtes – Numero 11

fonte: avisdetempetes.noblogs.org