Parigi – Incendiati mezzi di Vinci e SNCF in solidarietà agli anarchici prigionieri

Pensiamo che l’azione diretta sia anche un mezzo per uscire dai vicoli ciechi della palude del “giro”, dei suoi luoghi comuni accettati in maniera acritica, dei suoi slogan combattivi che restano spesso parole in aria.

Soli, associati per una notte o per la vita – secondo la sensibilità di ciascuno.a – lasciamoci dietro i dogmi e scegliamo il caos della vita.
Per i difensori di questo mondo noi siamo dei malfattori. Siamo semplicemente suoi nemci e ne siamo fiere.
La notte fra giovedì 11 e il 12 ottobre, rue d’Hautpoul (Parigi 19) abbiamo bruciato un furgoncino di Vinci (costruttore di prigioni) e una macchina della SNCF [la Trenitalia francese; NdT] (che fa la caccia ai poveri ed ai sans-papiers).

Un pensiero per Krème, per il compagno incarcerato per l’incendio della Gendarmerie di Limoges, per gli anarchici che passano a processo in Italia (Scripta Manent e Panico).

Viva l’anarchia, viva la libertà!

(tradotto da guerresociale)

fonte: anarhija.info