Berlino e Lüchow-Dannenberg – Vernice contro i nazisti e i loro monumenti

Berlino (Berlin), 3 ottobre 2018

La sera del 03/10/18 ci siamo avviatx verso l’ufficio di Beatrix von Storch e abbiamo lasciato tanta vernice nera e rossa alle facciate delle case.

Inutile ripetere perché il 03/10/18 è tutt’altro che un giorno di festa. Purtroppo di questi tempi non ci stupisce affatto che proprio in questo giorno molti fasci sfilarono attraverso Berlino. Ecco perché a maggior ragione c’interessa di opporci ax fascistx in ogni momento. Ieri a Berlino ci furono alcune proteste ….
Tuttavia come ambiente pare che abbiamo dimenticato, perlomeno noi ne abbiamo l’impressione, che lx fascx non marciano attraverso le città solo in determinati giorni ma che sono presenti dappertutto e sempre. Vivono nei nostri quartieri, nelle nostre città e nei nostri villaggi, hanno dei locali per collegarsi in rete, degli uffici e delle bettole ecc. Se ci opponiamo coerentemente ax fascx è importante la continuità nell’attacco ai loro locali e, nel migliore dei casi, nel distruggerli – per  esempio anche l’ufficio di Beatrix von Storch.
Dalla discreta casa in affitto nella Zionskirchstraße 3, 10119 Berlino, dirige insieme al suo coniuge Sven von Storch la rete di protesta d’estrema destra „Zivile Koalition e.V.“. Sotto il tetto dell’associazione organizzano delle campagne professionali di revanscismo, antifemministe e anti-omosessuali. Beatrix e la sua associazione a Berlino appaiono da anni in sostegno alla “marcia per la vita” cristiano-fondamentalista. Dopo l’elezione della von Storch nel parlamento europeo, istituiva il suo ufficio parlamentare allo stesso indirizzo.
E questo spazio dovrebbe poter esistere candidamente indisturbato?

Se non ci opponiamo ai locali fascisti e fosse pur per una certa rassegnazione, li legittimiamo. Secondo noi l’ufficio di Beatrix non ha alcun diritto all’esistenza. Finché la casa in affitto è usata per le loro campagne e i loro collegamenti in rete riteniamo che sia un nostro dovere di infastidire Beatrix con la vernice (rossonera), di attaccare la casa e forse prima o poi il locale sarà anche distrutto – il che sarebbe davvero un giorno da festeggiare.

Difendiamo i nostri quartieri! Niente spazio alla AfD o ad altre associazioni nazi, significa oltre le demo, i blocchi e la presenza nelle strade anche l’attacco mirato ai locali e la loro distruzione.

fonte: chronik.blackblogs.org

Lüchow-Dannenberg, 3 ottobre 2018

Nella notte al 03 ottobre, giorno dell’unità tedesca, abbiamo attaccato alcuni monumenti al combattente in vari luoghi del Wendland (distretto rurale Lüchow-Dannenberg, Bassa Sassonia).

È evidente che con i monumenti non si tratta di lutto. Le iscrizioni fanno a gara in schifosità e rappresentano uno schiaffo in faccia ad ogni vittima delle guerre d’aggressione tedesche. Giusto adesso, in tempi di un ulteriore balzo a destra della società, è sempre più importante intervenire laddove il nazionalismo aggressivo si nasconde dietro un folclore apparentemente innocuo, di non evitare di innervosire sempre ancora lx cittadinx tradizionalistx e di affrontare i problemi alla radice: La celebrazione del carattere nazionale non esiste solo nella AfD e nelle demo nazi, ma dappertutto attorno a noi!

Il 18 novembre è “Giorno di Lutto Popolare”. Nell’occasione di questa festa, davanti ai monumenti si radunano diversi gruppi nazionalisti, che vanno fino ax nazi dichiaratx, per celebrare collettivamente i loro valori tedeschi: Orgoglio, Onore, Virilità & Patria. Invitiamo all’attacco con la vernice o alla distruzione totale dei blocchi di cemento, dei soldati di pietra, delle croci di ferro e delle stele per rovinare la festa alle bande di porci! Anche altre regioni sono zeppe di “monumenti”. Vi invitiamo ad imitarci!

fonte: chronik.blackblogs.org