Cile – Appello anarchico alla solidarietà con il prigioniero Marcelo Villaroel

Di fronte alle condanne della giustizia militare e alla necessità di distruggere l’inquisizione democratica

L’urgenza di questo testo nasce dalla necessità di rompere con la sensazione di tranquillità e immobilità che si sta propagando di fronte all’avverso scenario giuridico che affronta in modo specifico il compagno Marcelo Villarroel.

Questo testo cerca di alimentare una prospettiva di lotta permanente – ovunque siamo – di fronte alle diverse avversità esistenti, costruendo sentieri di negazione, allontanandoci dal vittimismo e dal personalismo. Vogliamo contribuire ad una riflessione urgente e ad una chiamata di pratica solidale con il compagno Marcelo Villarroel. E’ da qui che nasce questo opuscoletto, cercando con queste breve riflessioni di superare il mero atto informativo per contribuire al rafforzamento di posizioni anarchiche di lotta contro una delle varie dimensioni della rete giudiziaria e carceraria.

Non dimentichiamo che i compagni non sono figure intoccabili o incontestabili, ma semplicemente ci mancano per le strade, il che ci permette di contribuire – da entrambi i lati del muro – con riflessioni, esperienze e pratiche alla lotta contro il dominio, ed è esattamente in questo senso che coloro che dimenticano i detenuti, relegandoli al campo dell’oblio, finiscono per scordare la stessa lotta.

Contenuto:
– Alcune parole introduttive
– Su un cammino di guerra non ancora terminato
– Contro la giustizia, contro le inquisizioni.
– Da dove e perché chiediamo solidarietà

Si invita alla riproduzione e diffusione attraverso tutti i mezzi!

Cile - Appello anarchico alla solidarietà con il prigioniero Marcelo Villaroel Di fronte alle condanne della giustizia militare e alla necessità di distruggere l’inquisizione democratica
Clicca per scaricare l’Appello anarchico alla solidarietà con il prigioniero Marcelo Villaroel Di fronte alle condanne della giustizia militare e alla necessità di distruggere l’inquisizione democratica

fonte: anarhija.info