ZAD – Il “movimento” è morto, Viva… la riforma

Questo testo è stato scritto nell’autunno 2017 sullo Zad di Notre Dame Des Landes. Da allora, la situazione è stata cambiata a causa dell’annuncio del governo del 17 gennaio 2018 di abbandonare il progetto aeroportuale. Potrebbe sembrare obsoleto pubblicarlo dopo la “vittoria”. Ma, nonostante l’importanza di questa lotta per me, mi succede di non festeggiare questa vittoria. Probabilmente sono troppo diffidente e puntiglioso riguardo i problemi che si nascondono dietro.
In questo periodo difficile per le lotte sociali, la lotta contro l’aeroporto sembrava un simbolo di fronte all’offensiva capitalista, come la lotta per non perdere in oceano di sconfitte. Quindi tentare un approcio critico, significa spesso confrontarsi con un riflesso difensivo di una visione idealizzata.
Beh, non importa…
Questo testo è per chi vuole mettere in discussione la “vittoria”, e andare a scavare un po ‘più a fondo su ciò che è in gioco qui. Da un lato perché la fine della lotta contro l’aeroporto lascia il “movimento” orfano o addirittura morto, e quindi di fronte a una nuova situazione. Tuttavia, anche se è nuova, rimarrà la continuazione di questi lunghi anni di miscugli e conflitti tra diverse tendenze politiche, con i loro diversi obiettivi e mezzi nella lotta.
Dall’altro lato, perché gli ultimi mesi che precedono questa “vittoria storica” hanno molto da dire per contribuire ad una cultura di lotta in generale. E perché possiamo già immaginare l’influenza gloriosa ed eterna che molti daranno a questa vittoria.

ZAD – Il movimento è morto, Viva… la riforma – Testo in lingua francese