Madrid – Operazione repressiva europea a partire dai disordini durante il G20 di Amburgo

Nota di ContraMadriz: in attesa di più informazioni, riportiamo l’articolo seguente dalla stampa borghese. In questo si dice che si tratta di un’operazione diretta dalla polizia tedesca in Francia, Italia, Svizzera e Spagna, con il coordinamento delle forze poliziesche locali. In Spagna si è saputo di tre perquisizioni, due a Carabanchel e un’altra in Calle Bravo Murillo (Madrid). L’obiettivo è quello di arrestare persone implicate durante le proteste contro il G20 ad Amburgo, identificate in immagini e fotografie. Non dimentichiamo che la polizia tedesca aveva creato una pagina web con foto di attivisti durante gli scontri e le proteste.
L’ondata repressiva che si scatenò durante e dopo i fatti del vertice del G20 dello scorso luglio si era fatta notare in Germania con centinaia di fermati e decine di compagni e compagne arrestare, molti di loro ancora sotto processo.Meno di un mese fa lo Stato tedesco aveva fatto arrivare alla stampa locale la notizia del fatto che si stavano cercando i partecipanti alla protesta in tutta Europa. La stampa spagnola aveva dato eco a queste notizie alcuni mesi fa: https://www.eldiario.es/politica/Policia-Espana-implicados-revueltas-G20_0_735976811.html

Continueremo a dare aggiornamenti appena riceveremo più informazioni. Cerchiamo di fare attenzione alle voci ed a quello che viene pubblicato e detto su internet. L’operazione è ancora aperta.

Gli Stati non contemplano le frontiere quando si tratta di affilare gli artigli della repressione. La collaborazione tra corpi di polizia è una realtà, come evidenzia la repressione del G20 o gli arresti di anarchic* come nel caso delle rapine di Aachen. La solidarietà e la lotta nemmeno.

Quest’ondata repressiva comandata dallo Stato tedesco, però coordinata da altri stati europei ha avuto risposte sottoforma di manifestazioni selvagge, sabotaggi, azioni e comunicati in tutta Europa durante tutto l’anno. Che gli Stati europei ed i loro sbirri sappiano che le risposte e la continuità della lotta proseguiranno: Amburgo è stata una coordinata nella mappa del conflitto che non terminerà fino alla distruzione totale dello Stato, del capitalismo ed del suo mondo di sottomissione e miseria.

Solidarietà ed attacco!

Media borghesi – Agenzia di stampa EFE:

 

“Agenti della Polizia Nazionale hanno effettuato questo martedì delle perquisizioni in due case “okupas” ed una casa privata a Madrid all’interno di un’operazione congiunta a livello europeo contro “i radicali violenti, appartenenti a movimenti antifascisti ed anarchici”, implicati negli scontri che ebbero luogo durante la celebrazione del vertice del G20 ad Amburgo durante i giorni 7 e 8 luglio dell’anno scorso.
Secondo quanto dice il Ministero dell’interno in un comunicato, si tratta di un’operazione portata avanti simultaneamente in diversi paesi dell’Unione Europea, durante la quale sono state effettuate perquisizioni alla ricerca di prove e sono state interrogate tre persone in Spagna, tre presunti implicati in Francia, due in Italia ed uno in Svizzera.
In Spagna, le indagini fatte dagli agenti della Polizia Nazionale hanno permesso di verificare che almeno tre uomini, di nazionalità spagnola e con età comprese tra i 28 ed i 31 anni, erano presenti duranti gli scontri e sono autori di “importanti danni materiali così come di azioni violente contro gli agenti di polizia” che sono avvenuti là. Le irruzioni e perquisizioni si sono svolte in tre immobili della capitale, due case occupate nella zona del distretto di Carabanchel e una casa privata nella calle Bravo Murillo.”

(SEGUIRANNO APPROFONDIMENTI)

fonte: contramadriz.espivblogs.net