La Critica Radicale in Italia – Un libro e un sito

La Critica Radicale in Italia – Ludd 1967-70 pagine 566, € 25,00 Ed. Nautilus

La critica radicale in italia - Ludd 1967-70

Un grande sconvolgimento attraversa la società italiana alla fine degli anni Sessanta. Il recente, tumultuoso sviluppo economico non era stato accompagnato da un aggiornamento politico e sociale proporzionato. Questo ritardo della situazione nazionale condurrà il movimento a prolungarsi testardamente per tutto il decennio successivo laddove, negli altri paesi, i movimenti paralleli si erano già lasciati acquietare, assimilare e addomesticare.
I mutamenti della politica, del costume, della cultura, furono molti e profondi, anche se, a prima vista, gli insorti appaiono oggi sconfitti e brutalmente ricondotti all’obbedienza.
In continua dialettica con gli eventi pubblici, mutamenti non meno significativi si produssero nel pensiero di quel movimento, nella sua riflessione, nella sua coscienza, nella sua teoria, nella sua critica.
In particolare, un minuscolo nocciolo di riflessione e di analisi, affermatosi in contemporanea con la discesa del movimento nelle strade, è andato crescendo, articolandosi e perfezionandosi, finendo per rimanere alla fine padrone del campo. Tante tesi che apparivano eretiche da principio, sono oggi patrimonio comune di tutti coloro che si sollevano contro la sopravvivenza consentita.

Il presente volume testimonia la nascita di questo pensiero, la “critica radicale”; ne seguiranno altri due, di prossima pubblicazione, destinati a coprire il periodo successivo.
Alla trascrizione dei testi è unita una copia anastatica, particolarmente utile allorché si tratti di documenti illustrati (anche le tecniche di comunicazione furono sconvolte in quegli anni, affermando una nuova maniera, ironica e autoironica, di agitare e di propagandare), si accompagnano una ricostruzione storica e una proposta di riflessione sull’attualità, l’inattualità, le lacune, le intuizioni, gli svarioni e i colpi di genio alternatisi in quegli anni entusiasti ed entusiasmanti.


Il progetto editoriale critica radicale e il sito www.criticaradicale.nautilus-autoproduzioni.org

Oltre una decina di anni fa, nella redazione di Nautilus, si riunirono una decina di persone per discutere di un progetto di riedizione dei materiali di quei gruppi rivoluzionari che negli anni ’70 si rifacevano a quella che nel tempo è stata chiamata la critica radicale. Nacque così il Progetto Critica Radicale. Il primo compito che ci si dette fu quello di raccogliere il materiale riguardante le esperienze di Ludd, Organizzazione Consiliare, Comontismo, Puzz, Insurrezione e Azione Rivoluzionaria.
Documenti, volantini, corrispondenza, lettere interne cominciarono a formare un archivio digitale. Si pensava all’epoca di pervenire alla pubblicazione cartacea del’opera omnia o, perlomeno, della totalità di quanto reperibile. Non ci si era resi conto della mole di documentazione che sarebbe emersa e che avrebbe finito per creare uno strumento ben poco maneggevole, che avrebbe messo alla pari testi e tesi di ben diversa importanza storica e critica.
Si decise così di pubblicare il materiale in rete e nel contempo di lavorare all’edizione cartacea di una parte di esso. Il sito che lo ospitava – Nel Vento – è diventato negli anni il punto di riferimento per quanti volevano conoscere quest’area di Movimento. Il progetto, con la pubblicazione de
Ora che è stato pubblicato il primo volume di quel materiale: Critica Radicale in Italia: Ludd 1967-1970 è stato creato il sito www.criticaradicale.nautilus-autoproduzioni.org dove verranno raccolti in formato digitale, e debitamente annotati, tutti i documenti reperiti.
Sarà possibile altresì: segnalare ulteriori testi non ancora rinvenuti ma che si continua a ricercare; raccogliere i documenti successivi esistenti oggi o che verranno scritti nel futuro sull’argomento; commentare in un forum apposito i testi pubblicati. Con questi strumenti, si spera che la presente opera non si converta in una pietra tombale per una vicenda che gli anni trascorsi inevitabilmente consegnano alla rarefazione della storia, ma piuttosto in uno strumento di riflessione attuale e contemporanea.

fonte: nautilus-autoproduzioni.org


Riportiamo qua sotto, tratto da criticaradicale.nautilus-autoproduzioni.org,  “L’intrepido”, un volantone sulla rapina di Genova del gruppo 22 ottobre, che rende bene la tensione verso la distruzione creatrice di quei tempi, lontani anni luce da certi anarchici odierni troppo attenti all’ortografia…

La critica radicale in italia - Un libro e un sito
Clicca per scaricare L’intrepido