Grecia – Appello alla solidarietà per i 35 migranti processati per le proteste nell’hotspot di Moria

Traduzione da: Musaferat Lesvos

Dopo la fine delle indagini preliminari, la data d’appello per i 35 migranti, accusati di aver partecipato alla rivolta avvenuta nel centro di detenzione di Moria il 18 luglio 2017, è stata fissata al 20 aprile nel Tribunale di Chios.

Alcune parole sugli accadimenti di quei giorni
Da mesi, i migranti si stanno organizzando per i loro diritti contro i lunghi tempi d’attesa delle procedure per la richiesta d’asilo e le pessime condizioni in cui sono costretti a vivere nel centro di detenzione di Moria. Il 17 luglio, un gruppo di persone, per la maggior parte africane, aveva annunciato la sua volontà di portare avanti ripetute proteste. La protesta annunciata è l’apice di varie proteste più piccole e impulsive avvenute nella prigione così come nella città di Mitilene. In quel periodo molti dei migranti, che si stavano organizzando per resistere alle politiche repressive dello stato, erano stati minacciati dalla polizia che avrebbe presto trovato “chi era il capo del centro di detenzione”, e quindi i lavoratori delle ONG li esortarono a fermare le proteste.
Martedì 18 luglio, durante un presidio fuori dall’Ufficio Europeo di sostegno per l’Asilo (EASO), che ha indotto i dipendenti a lasciare gli uffici, le autorità hanno sottolineato che i migranti che protestano sono a loro volta responsabili dei ritardi nelle procedure delle domande di asilo, facendo sì che un altro gruppo di migranti si rivoltasse contro di loro. Successivamente, i manifestanti hanno lasciato il campo per bloccare la strada principale all’esterno. Mentre urlavano slogan fuori dal centro, le forze di polizia dall’interno e dall’esterno del centro di detenzione li hanno attaccati con pietre, gas lacrimogeni e granate stordenti. I migranti hanno risposto lanciando pietre contro la polizia e appiccando piccoli incendi.
Dopo gli scontri, l’interno del centro di detenzione era tornato alla “normalità”, ma le forze di polizia hanno iniziato una epurazione all’interno di Moria. I migranti hanno dovuto affrontare la minaccia della polizia antisommossa, che ha preso d’assalto i container, picchiando chiunque in modo indiscriminato fino ad arrestare 35 persone a caso. Il loro unico criterio era il colore della pelle, poiché si rivolgevano a persone di origine africana. Gli arrestati sono stati portati al dipartimento di polizia centrale di Lesbo, dove sono stati trattenuti senza alcun soccorso medico nonostante abbiano subito gravi percosse. Solo uno degli arrestati è stato portato con un’ambulanza all’ospedale direttamente dal centro di detenzione, a causa della perdita di coscienza, dopo aver subito un colpo mortale alla nuca. Nel corso del mese seguente, circolavano voci su ulteriori arresti che hanno terrorizzato ancora di più i migranti intrappolati, che hanno portato molti di loro a lasciare le loro tende e container per paura di essere presi di mira. La situazione insicura ha creato un’atmosfera di impotenza, passività e un sentimento di disfattismo.

I dati giudiziari
Gravemente picchiati e terrorizzati, i 35 accusati sono stati presentati a un investigatore, di fronte a gravi accuse, tra le quali in particolare “incendio doloso pericoloso per la vita”. Questa accusa può comportare molti anni di reclusione e contemporaneamente escludere i condannati dall’ottenimento dell’asilo. Più in particolare, le quattro accuse in totale sono le seguenti:1. Incendio doloso in concorso per mezzo del quale può insorgere un pericolo per una persona. 2. Pericoloso danno fisico, tentato oltre che eseguito a danno della polizia e dei vigili del fuoco, in concorso e ripetutamente.3. Danno sotto forma di incendio doloso di altrui proprietà e di un oggetto che serve un beneficio comune, in concorso e ripetutamente.4. Resistenza eseguita da più di una persona, a volto coperto e trasportando oggetti potenzialmente pericolosi.Il tribunale ha ordinato una detenzione preventiva per 30 degli accusati, mentre i restanti cinque (il ferito grave e altri quattro migranti, che non avevano avuto un interprete per il periodo di un mese e mezzo) hanno ricevuto ordini restrittivi di residenza sull’isola e sono dovuti comparire due volte al mese al dipartimento di polizia.Dei 30 detenuti, 10 sono in carcere sull’isola di Chios, 13 a Korydallos (Atene), sei nei centri di detenzione minorile di Avlona (Attica) e uno è stato trasferito da Avlona al carcere di Malandrino (Grecia centrale). I problemi seri sono derivati ​​dalla loro separazione, poiché sono stati imprigionati lontano dai loro avvocati e amici, aggravando enormemente il loro isolamento e l’incertezza, mentre venivano posti ostacoli significativi alla loro preparazione per il prossimo processo. Questa pratica è stata applicata ai prigionieri politici in passato, ad esempio in un caso analogo riguardante otto migranti perseguitati di Petrou Ralli.Inizialmente, la loro difesa era stata assunta da avvocati attivi nelle ONG dell’isola e dal momento in cui il caso ha iniziato ad attirare l’attenzione pubblica, altre ONG sembravano intenzionate ad adottare alcuni dei casi giudiziari. Tuttavia, solo pochi giorni prima della data del processo, le ONG Solidarity Now, Metadrasi e Synyparxis Lesbos hanno annunciato il loro ritiro dal processo. Di conseguenza, la situazione già problematica si è gravemente aggravata, dal momento in cui gli imputati avrebbero dovuto trovare nuovi avvocati. Di conseguenza, nove dei migranti sotto processo saranno rappresentati da avvocati appartenenti a gruppi di solidarietà.Il ruolo che le autorità giudiziarie svolgono nelle pratiche contro-insurrezionali diventa chiaro nella sede del tribunale scelto. Il trasferimento del processo a Chios è in contraddizione con la decisione della corte di imporre ordini di restrizione a cinque imputati. Nonostante i giudici siano consapevoli della precaria situazione finanziaria degli imputati, il processo si svolgerà a Chios e dovrebbe durare diversi giorni, il che comporta enormi costi di residenza oltre alle spese di viaggio. Inoltre, l’ubicazione del processo crea gravi limitazioni alla presenza di testimoni in loro difesa. Poiché gli eventi hanno preso parte nel centro di detenzione di Moria, molti dei testimoni oculari sono migranti sottoposti a restrizioni amministrative, che non hanno la possibilità di lasciare Lesbo. Lo stesso si può dire per molti testimoni locali. A causa del trasporto limitato tra le due isole, la presenza quotidiana è resa impossibile, per cui i testimoni dovrebbero lasciare i loro lavori per un periodo di tempo indefinito e a qualsiasi costo. La rimozione di testimoni essenziali, derivante dalla scelta del luogo, serve da comodo pretesto per l’atteggiamento vendicativo e premeditato delle autorità giudiziarie nei confronti dei migranti perseguitati.

Politiche anti-migrazione
Mentre le contestazioni geopolitiche globali continuano, senza alcun segno di diminuzione, l’espansionismo economico prospera e vari regimi autoritari e fondamentalisti continuano ad apparire in ogni angolo del mondo, la Fortezza Europa intensifica la gestione militare-poliziesca del flusso migratorio. Forse meglio organizzata che mai, prende forma la decisione della creazione di spazi di eccezione ai confini europei; spazi dove tutti coloro che non hanno perso la vita durante i loro passaggi, saranno detenuti e subiranno gravi perdite e violenze.Per mezzo di un sistema di continua degradazione umana, i migranti saranno categorizzati come “utili” o “indesiderati”. Quelli voluti serviranno come nuova forza lavoro necessaria in Europa, mentre allo stesso tempo forniscono un alibi per le politiche di morte contro la migrazione. Tutti gli altri verranno inevitabilmente criminalizzati, poiché la loro unica opzione possibile è di viaggiare più lontano senza documenti, dopo di che saranno sfruttati come forza lavoro a basso costo, cosa fondamentale per la riproduzione delle strutture di potere manifestate nel capitale locale e globale. La loro unica altra opzione è la deportazione nei loro paesi di origine o in paesi terzi.Inoltre, le popolazioni migranti sono diventate il nuovo “nemico interno”. I media aiutano nella costruzione di una realtà sotto minaccia in modo da giustificare l’esistenza del totalitarismo come “socialmente necessario”. I migranti sono ritratti biologicamente e culturalmente inferiori o come portatori di malattie contagiose, mentre sono collocati in campi privi di strutture sanitarie. L’uso di una retorica militarista aiuta a rappresentare i migranti come invasori, giustificando le forze armate greche ed europee che prendono posizione ai confini per difendere la Fortezza Europa. Uno “stato di emergenza” viene introdotto in un numero crescente di aree in Europa. Una dottrina che viene fuori, evocando allo stesso tempo la necessaria coesione nazionale e il consenso necessari per la continuazione delle politiche di svalutazione del “fondo” della società.Tuttavia, “guerra contro i migranti” significa denaro. L’industria sviluppata grazie alla governance delle popolazioni migratorie non dovrebbe essere trascurata. Il capitale continua a essere riprodotto sia attraverso attrezzature militari che servono alla protezione e sorveglianza dei confini o attraverso il capitale umano, come conseguenza della diffusa dottrina dell’umanitarismo militare.Dato il contesto, Lesbo è stata scelta, per la seconda volta nella sua storia recente, come l’area principale per l’applicazione delle politiche di confine anti-migrazione all’inizio della cosiddetta “rotta del Mediterraneo orientale”. Di conseguenza, sono emerse nuove forze militari di polizia e diversi tipi di centri di detenzione, oltre all’incoraggiamento di un distacco sociale cruciale al fine di generare consenso per la politica di morte che si sta attuando. Politiche che hanno portato decine di morti a riva più 14 persone morte all’interno dei centri di detenzione. Il totalitarismo getta un’ombra sulla vita dell’isola con poche crepe aperte dalla resistenza dei migranti, ma anche da un contro-movimento internazionale diffuso, che ha mostrato azioni numerose e continue. Questi momenti di resistenza che garantiscono un’autonomia di breve durata, fanno sì che i migranti siano sottoposti a ancora più terrore e violenza per isolarli da coloro che li sostengono in solidarietà.

Solidarietà per ogni ragione nel mondo
La decisione di sostenere i 35 migranti perseguitati non ha nulla a che fare con alcun criterio di innocenza, né indica una lotta antirazzista unidimensionale. La loro persecuzione può essere intesa solo come un altro aspetto delle politiche anti-insurrezionali che sono state stabilite dai precedenti governi e ora sono messe in pratica dal governo di sinistra SYRIZA. L’evidente declino dei movimenti sociali e di classe negli ultimi tempi consent
e agli attacchi a “quelli in basso” di assumere un carattere più permanente e definitivo. Una pletora di strumenti oppressivi, di natura poliziesca, giudiziaria, amministrativa ed economica, viene usata contro coloro che scelgono una resistenza continua e non mediata.La crescente militarizzazione delle forze di polizia. La creazione di spazi di eccezione, come i campi di concentramento per migranti. La nuova riforma del codice correzionale e gli attacchi contro i prigionieri resistenti. Uso di multe come ricatto, come nel caso degli obiettori dell’esercito. L’adozione di reati espliciti per coloro che resistono alla vendita all’asta delle residenze. Persecuzione criminale delle lotte unioniste. Degrado ambientale e persecuzione di chi resiste. Tutti questi sono aspetti dello stesso attacco stato-capitalista contro gli sfruttati.
Attacchi che vanno oltre i confini tradizionali degli stati-nazione. Attraverso la riformulazione dei quadri giuridici, il tentativo di cooperazione transnazionale per frenare le resistenze sta diventando sempre più intenso. L’istituzione di forze di sicurezza militari e di polizia europee, la cooperazione giudiziaria transnazionale e lo sviluppo di politiche europee comuni sulla gestione della popolazione costituiscono la nuova realtà. Ma le risposte saranno date a tutti i livelli. Contro il nazionalismo di qualsiasi nazione, la barbarie statale di qualsiasi stato, lo sfruttamento del capitale, le parti resistenti della società sviluppano le proprie lotte (ad es. Amburgo G20, Salonicco, Antinational Balkan Demo, No Border Movement). Lotte oltre frontiere, stati, nazioni e nazionalismi.Il processo ai 35 migranti può essere visto come un processo contro tutta la società che resiste alla continua svalutazione e repressione delle loro vite. Questo processo si propone di essere svolto in un buco nero dello spazio e del tempo, limitando ogni opportunità di solidarietà. Per questa ragione, più urgente che mai, è essenziale evidenziare un altro esempio di arbitrarietà dello stato diretta verso uno dei gruppi sociali più oppressi.Chiediamo a singoli, gruppi e organizzazioni di sostenere la solidarietà e organizzare iniziative. Per contrastare la decisione delle autorità giudiziarie di provare a cancellare il processo trasferendolo a Chios, i compagni di tutta la Grecia e oltre devono portare la questione all’attenzione.L’account twitter @freethemoria35 e #freethemoria35 sono stati creati per gli scopi della campagna di solidarietà, mentre i media auto-organizzati saranno utilizzati per informazioni e aggiornamenti più precisi.

Assemblea di solidarietà per i 35 migranti perseguitati di Moria #freethemoria35

fonte: hurriya.noblogs.org