Sebastián Oversluij Seguel vive in ogni esproprio e in ogni attacco contro il potere

Sebastián Oversluij Seguel

La mattina dell’11 dicembre 2013, il compagno Sebastián Oversluij si stava preparando a espropriare una filiale bancaria nel comune di Pudahuel. Il compagno “Angry” entra nella banca estraendo il mitra dai sui vestiti annunciando l’assalto. Una misera guardia di sicurezza ha sparato al nostro compagno e lo ha ucciso all’istante. Il bastardo in uniforme aveva addestramento militare e vasta esperienza come mercenario ad Haiti e in Iraq.

Siamo d’accordo con la decisione del compagno di espropriare i ricchi, ci riconosciamo nemici della capitale e il sistema di dominio che genera e diffonde le miserie che viviamo quotidianamente. Incoraggiamo qualsiasi attacco diretto alle proprietà e agli interessi dei ricchi, facciamo parte di questa multiforme guerra contro il potere.


Ricordiamo il compagno per quello che era, e per la coerenza delle sue azioni per contribuire e promuovere il processo di attacco costante contro la struttura del potere. La memoria è un esercizio costante e continuo nella nostra storia, motivo per cui onoriamo questo compagno che ha deciso di portare la sua pratica rivoluzionaria alle ultime conseguenze.

“È TEMPO DI RIAPPROPRIARSI DELLA VITA, DISTRUGGERE TUTTA L’AUTORITÀ, ATTACCARE LA POLIZIA, ATTACCARE BANCHE, ESPROPRIATE, DISOBBEDIRE E DISTRUGGERE” – ANGRY

MEMORIA E COMBATTIMENTO PER IL COMPAGNO CADUTO L’11 DICEMBRE 2013 DURANTE UN ASSALTO BANCARIO

fonte: turbanegra.blackblogs.org