Lipsia, Germania – Alcuni frammenti di lotta contro il loro mondo di controllo e sorveglianza

Lipsia, Germania - Alcuni frammenti di lotta contro il loro mondo di controllo e sorveglianzaIl 7 e l’8 dicembre si è svolta a Lipsia la 207ª Conferenza dei Ministri degli Interni [IMK*] ( Ndt: degli stati federali tedeschi). La Sassonia attualmente presiede la “Conferenza permanente dei ministri e dei senatori dell’interno dei Länder”. In questa conferenza, i politici che sono responsabili della sicurezza interna hanno preparato il terreno per la generalizzazione della militarizzazione dello spazio pubblico, ma anche per limitare il diritto di asilo per i migranti e rafforzare i meccanismi di controllo ai confini.

Questo giovedì, 7 dicembre, circa 500 persone hanno marciato attraverso la città e vicino allo zoo Kongresshalle di Lipsia, dove si è tenuta questa conferenza. La manifestazione si è svolta sotto una forte presenza di polizia, con file di uniformi che stringevano da vicino la processione e lo slogan del ricorso “Lotta contro la sicurezza interna” potrebbe essere letto alla testa della processione. Altri messaggi erano leggibili su banner, come “Paragrafo 129: sappiamo già – Fuoco e fiamme durante la repressione”, “No Borders …”, “Quando le persone muoiono, state zitti, quando le finestre volano in pezzi, piangete “… In contrasto con le notti precedenti [vedi sotto], ila manifestazione è rimasta tranquilla secondo gli sbirri e il personale addetto alla stampa, anche se ha gravemente disturbato il flusso di traffico della città.

Nella notte tra il 30 novembre e il 1 ° dicembre, un veicolo aziendale della Siemens è stato incendiato a Lipsia. Poco dopo mezzanotte, anonimi hanno dato fuoco a un’automobile Siemens parcheggiata a Mariannenstraße a Neustadt-Neuschönefeld. I vigili del fuoco non sono riusciti a intervenire in tempo per salvare il veicolo, che è stato completamente distrutto. Secondo le prime stime, il danno sarebbe pari a circa 25.000 euro. Questo incendio è stato rivendicato attraverso un comunicato, riprodotto di seguito. Fa parte dell’invito a interrompere il vertice sulla sicurezza interna che si terrà il 7 dicembre.

Lipsia, Germania - Alcuni frammenti di lotta contro il loro mondo di controllo e sorveglianzaLa notte del 1 dicembre è stata bruciata una macchina di maiali SIEMENS. Ci sono molte cose negative da dire su SIEMENS. Questa volta, è stato fatale per loro sviluppare tecnologie di sorveglianza e, in particolare, fornire regimi dittatoriali in tutto il mondo, ma anche sostenere progetti in Germania che vogliono trasformare le città in Smart City. In questo modo, partecipa anche alla sorveglianza organizzata e all’avvento della tecnologia.

Inoltre, questo attacco è un contributo alla lotta contro l’IMK, una conferenza in cui lo stato organizza la sorveglianza delle persone.

I nostri migliori saluti e tanta forza ai compagni incarcerati!

Altri tre attacchi sono stati rivendicati in una singola rivendicazione, dal titolo “Qui la pace non esiste – Vetri rotti – Vernice – Vetri rotti:

La notte del 30 novembre, la facciata della Posta tedesca di Nonnenstraße è stata imbrattata di vernice. È una delle prime aziende in Germania ad utilizzare il software di riconoscimento facciale nelle sue filiali.

La notte del 28 novembre, il vetro dell’ufficio del politico della CDU Ronald Pohle è esploso sotto i colpi di un’ascia mentre Pohle continuava a camminare ondeggiando nel retro del suo ufficio. Il CDU è responsabile della nuova legge a livello federale, che punisce più severamente gli atti di ribellione contro la polizia (tre mesi di detenzione)

La notte del 20 novembre, c’era rumore dal lato di Karl-Heine-Straße. Le finestre degli uffici di Quartiersmanagement sono state sistematicamente distrutte. Questo Quartiermanagement lavora a fianco ai politici della città e dell’Università di Lipsia per una Smart City a ovest della città. Chi dice che la gentrificazione e il vicinato connesso, dice più sorveglianza e controllo.

* Per “Innerenministerkonferenz” (IMK)

fonte: sansattendre.noblogs.org