Smirne, Turchia – Il prigioniero anarchico Şevket Aslan in sciopero della fame

23.11.2017  Il prigioniero anarchico Şevket Aslan, detenuto nella prigione di Smirne 3 Nolu T ad Aliağa Şakran, è al settimo giorno di quello che descrive come uno “infinito e irreversibile” sciopero della fame fino a quando le sue richieste non saranno soddisfatte. Şevket ha fatto lo sciopero della fame con le stesse richieste il 19 luglio e lo ha concluso il 53 ° giorno. Poiché queste richieste non sono state soddisfatte, ha iniziato un nuovo sciopero della fame. La richiesta principale di Şevket è di essere riconosciuto dalle autorità carcerarie come prigioniero anarchico e di essere trasferito in un’altra unità o prigione che ospita prigionieri anarchici. Se questo non è possibile, vuole essere spostato in una singola cella.

Şevket è attualmente ospitato con un altro prigioniero in quello che i prigionieri descrivono come una “bara”, una cella progettata per un prigioniero che contiene un letto a castello. C’è a malapena spazio per loro di muoversi all’interno della cella.

L’elenco completo delle richieste di Şevket Aslan è il seguente:

1- Essere riconosciuto come prigioniero anarchico dalle autorità carcerarie e trasferito in un’unità o in un’altra prigione in cui altri prigionieri anarchici sono ospitati, in mancanza di ciò, essere trasferiti in una  cellula singola

2- Poter ricevere i libri che non sono censurati

3- Che la prigione cessi di “perdere” i suoi reclami scritti, gli appelli e le richieste che invia alle istituzioni ufficiali e che gli vengano dati i numeri di uscita (numeri di tracciamento) per loro

4- Fine della regola di rimozione delle scarpe, che vige ad eccezione di visite aperte e motivi di salute

5- Fine delle attese prolungate per i detenuti che devono vedere l’amministrazione della prigione

6- Che il carcere gli permetta di dipingere e gli consenta di ricevere materiali per la pittura ad olio e di avere accesso al laboratorio di pittura

fonte: sosyalsavas.org