Atene – Attaccata stazione di polizia

Nell’area di Pefki dell’Intesa settentrionale, nel cosiddetto territorio della Grecia, dieci individui col volto coperto hanno lanciato molotov contro la stazione di polizia in un attacco che ha carbonizzato la parte anteriore dell’edificio repressivo e ha bruciato due auto della polizia.
L’isteria e il panico sono stati scatenati dalla feccia dei media nazionali che denunciano come gli attacchi da parte degli anarchici contro le stazioni di polizia siano diventati un evento quotidiano e l’olio sia stato aggiunto alle molotov per rendere più potente il fuoco.

Il leader di destra e l’odiatore di anarchici, Mitsotakis, dopo aver visitato la stazione dei poliziotti hanno vomitato la sua solita retorica propagandistica arrivando a dire “Non ci può essere libertà senza sicurezza e personalmente sono determinato a ripristinare la legge e l’ordine nel paese “. Mitsotakis è noto per odiare gli anarchici in seguito ad un informativa  sul suo essere un target di un gruppo armato in passato. Egli fa regolarmente dichiarazioni propagandistiche contro l’area che chiama “Exarcheistan”  (con riferimenti razzisti) e promette di ripulirla e di eliminare la “minaccia anarchica”.

anarchici atene
fonte: fireonthehorizon.noblogs.org